Il cast di 13 Reasons Why segue un corso contro le molestie sul set

13 Reasons Why

Spinti dagli ultimi scandali che hanno travolto il mondo dello showbiz ad Hollywood e dintorni, i produttori di 13 Reasons Why hanno preparato per l’intero cast della serie tv Netflix un corso di consapevolezza contro le molestie sul set.

Tommy Dorfman di 13 Reasons Why rivela: un corso contro molestie e abusi

In un’intervista per il The Hollywood Reporter, l’attore Tommy Dorfman, che nella serie tv firmata Netflix interpreta Ryan Shaver, ha rivelato che l’intero cast di 13 Reasons Why è stato coinvolto in un corso di consapevolezza al fine di prevenire e riconoscere situazioni d’abuso e molestie in ambito lavorativo, sul set e nel mondo dello showbiz in generale. «Abbiamo avuto vari incontri in cui abbiamo discusso di questo», afferma Dorfman in riferimento agli ultimi scandali che hanno travolto Hollywood e che hanno alzato un vero e proprio polverone mediatico, oltre che stimolato finalmente un dibattito più serio su quello che spesso succede dietro le quinte dello scintillante mondo dello spettacolo.

Tommy Dorfman 13 Reasons Why
L’attore Tommy Dorfman nei panni di Ryan Shaver in 13 Reasons Why

Una questione di potere

«Vogliono assicurarsi che ognuno di noi sappia che certi atteggiamenti abusivi rappresentano una condotta inaccettabile per la nostra produzione e che se qualcuno di noi si sentirà mai in pericolo o a disagio in qualche modo non dovrà esitare a riferirlo e denunciare l’accaduto», afferma Tommy Dorfman riguardo la decisione di Netflix e produttori. Il giovane attore ha inoltre parlato di quanto sia frequente nell’ambiente essere avvertiti riguardo determinate persone o situazioni, ed è per questo, dice, che sviluppare una consapevolezza di quel che è abuso o molestia sia il primo passo per un vero e radicale cambiamento, che travolga le basi e non solo le superfici di un sistema ancora troppo spesso omertoso e complice. «Più le persone denunciano e spezzano il silenzio, destigmatizzando questi atteggiamenti, meno saranno frequenti. E più potere acquisiranno le donne e la comunità gay nell’industria televisiva e cinematografica, meno avrò bisogno di essere avvertito e messo in guardia», conclude Dorfman in maniera molto convinta.

Dylan Minnette 13 Reasons Why
L’attore Dylan Minnette, che nella serie interpreta Clay Jensen

Possiamo fare di meglio

Il cast, che vedrà ancora la presenza, tra gli altri, di Kate Walsh e Katherine Langford nei panni della protagonista Hannah Baker, è attualmente impegnato nelle riprese della seconda stagione di 13 Reasons Why. La serie tv analizza il mondo adolescenziale nei suoi aspetti più crudeli e spesso fin troppo invisibili e trascurati dagli adulti e dalla società, andando a raccontare la terribile vicenda del suicidio di una giovane liceale, ricostruita tramite delle audiocassette che, prima di togliersi la vita, lei stessa lascia ai responsabili della propria sofferenza. Per questi motivi, 13 Reasons Why è sin da subito diventato un caso, stimolando un dibattito molto acceso anche nel mondo scolastico su temi importanti quali bullismo, suicidio, molestie sessuali e stupro. «Dobbiamo fare di meglio. Il modo in cui ci trattiamo e ci guardiamo a vicenda…Deve migliorare, in un modo o nell’altro», dice Clay Jensen (Dylan Minnettenel finale di stagione. Già, dobbiamo e possiamo fare di meglio.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here