Sanremo 2020, Diodato e Matteo Faustini vincono il Premio Lunezia

Diodato 2

Diodato, con il testo di Fai rumore si aggiudica, a poche ore dall’inizio del Festival di Sanremo, il Premio Lunezia. Tra i giovani è premiato Matteo Faustini con Nel bene e nel male. Le motivazioni.

Diodato, con il testo di Fai rumore si aggiudica, a poche ore dall’inizio del Festival di Sanremo, il Premio Lunezia. «La struttura e l’intensità del testo annunciano un emozionante appuntamento con la musica», afferma il patron del Premio Stefano De Martino. Per il critico musicale Dario Salvatori, membro della Commissione del riconoscimento: «Diodato sembra suggerire l’arte del conversare ‘smooth’. Riproporsi in amore è quasi un gesto dovuto. Ma non avvicinatevi troppo e cercate il contatto visivo senza esagerare. Nessun imbarazzo. Un intonarumori».

Tra gli 8 giovani in gara il Comitato d’ascolto presieduto da Loredana D’Anghera (direttore artistico Lunezia Nuove Proposte) indica il brano Nel bene e nel male di Matteo Faustini. «Nel brano di Faustini l’alternanza con il recitato è in equilibrio con il crescendo della canzone. Uno stile di scrittura e interpretazione che evoca il passato e che per fortuna qualcuno non ha dimenticato», spiega D’Anghera. La XXV edizione del Premio Lunezia (Festival della Luna), si svolgerà su più date nel periodo estate/autunno 2020 tra Aulla e La Spezia.

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui