RomaFF14, La famiglia Addams, recensione: un concetto di famiglia che piace

La famiglia Addams, recensione

La famiglia Addams torna in versione film d’animazione e regala un nuovo concetto di famiglia, diversa ma affiatatissima: con le voci di Virginia Raffaele, Pino Insegno e Loredana Bertè, la pellicola ha tutti i requisiti per piacere a tutta la famiglia.

Dal matrimonio alla riunione di famiglia

Mortisia (doppiata da Charlize Theron nella versione originale e da Virginia Raffaele in quella italiana) e Gomez (Oscar Isaac e Pino Insegno) sono novelli sposi ma, perseguitati dagli abitanti del villaggio, sono costretti a fuggire e a cercare una nuova casa. Una sera trovano per puro caso un manicomio abbandonato e decidono che è proprio quello il posto in cui potranno costruire la loro famiglia ed essere felici. Così sarà in effetti, perché la coppia col tempo dà alla luce Mercoledì (Chloë Grace Moretz ed Eleonora Gaggero) e Pugsley (Finn Wolfhard e Luciano Spinelli). È proprio per festeggiare quest’ultimo che, a distanza di anni, l’intera famiglia si riunisce ancora una volta sotto lo stesso tetto. Per l’occasione accorrono sia la nonna (Bette Middler e Loredana Berté) che lo zio Fester (Nick Kroll e Raoul Bova). Ma per un gruppo così fuori dal comune e sarà davvero difficile integrarsi nel paese e farsi accettare dai vicini.

Una famiglia ‘diversa’

I componenti de La famiglia Addams sono lontanissimi da ogni standard di normalità. Ciò che per loro è perfetto, per gli altri sarebbe inaccettabile. La tristezza e la desolazione sono stati d’animo idilliaci. La gioia e l’allegria, al contrario, sono da ricacciare ad ogni costo. Gli hobby dei ragazzi hanno a che fare più con gli esplosivi che non con i videogiochi, eppure il loro cuore non è per questo meno puro. Legati da un affetto sincero e da lealtà, questa famiglia così ‘diversa’ fa fatica ad integrarsi in una società governata da interessi ed apparenza. Proprio da tale presupposto nasce l’intreccio del film: ma tra la cupezza degli Addams e i colori ‘fluo’ delle persone più in vista del paese, chi l’ha detto che il buono sia da ricercare nel posto più ovvio?

La famiglia Addams al completo
La famiglia Addams al completo

Doppiatori a prova di pubblico

I doppiatori scelti per dare la voce ai membri della famiglia più dark di sempre appartengono a diversi mondi. Fatta eccezione per Pino Insegno, gli altri sono (ben) conosciuti dal pubblico per ragioni diverse. Ciò non significa che le loro performance non possano essere considerate all’altezza della situazione. Dai più giovani ai veterani, ognuno di loro riesce a dare un’impronta evidente al proprio personaggio. Se la più ironica è Loredana Berté nel corpo di una nonna decisamente sui generis, la Raffaele va apprezzata per la sua straordinaria capacità di rendersi irriconoscibile. Al pubblico arriva la voce di Mortisia e non quella di Virginia Raffaele che fa Mortisia, il che rappresenta motivo di notevole plauso.

Il diverso a misura di bambino

La famiglia Addams si sviluppa su una trama semplice ma piacevole, che abbraccia un arco temporale piuttosto vasto. Il presente dei personaggi viene giustificato dal loro passato, così come i loro valori. Tutto ciò permette di trattare il tema della famiglia e della diversità a misura di bambini, primi destinatari della pellicola. Gli Addams hanno abbracciato la loro diversità e vorrebbero essere accettati così come sono, eppure sono destinati a vedersi chiudere molte porte in faccia. Tutti i temi e gli spunti del film vengono sviluppati con una buona ironia di fondo, il che lo rende gradevole e certamente adatto anche agli adulti. Da apprezzare anche Haunted Heart (qui il video ufficiale), la canzone interpretata da Christina Aguilera che fa da colonna sonora.

La famiglia Addams, film d’animazione presentato alla 14ª Festa del cinema di Roma nella sezione Alice nella città, è diretto da Greg Tiernan e Conrad Vernon. Arriva nella sale giovedì 31 ottobre, giorno di Halloween, e in Italia è distribuito da Eagle Pictures. A Roma, in occasione della presentazione ufficiale, è stato annunciato la produzione di un sequel.

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui