Addio a Roberto Brivio, muore per Covid l’autore del quartetto de I Gufi

Roberto Brivio

Roberto Brivio è morto a causa del Covid, fu l’autore dei testi delle canzoni del quartetto de i Gufi che ironizzava sulla morte e contribuì a infondere una ventata di innovazione nella mentalità italiana negli anni della rivoluzione del ’68

Roberto Brivio è morto a 82 anni di Covid. Ne I Gufi era chiamato il Cantamacabro: era lui a scrivere le canzoni del quartetto musical-cabarettistico dedicate alla morte. Resta in vita solo Lino Patruno tra i componenti del gruppo che durò solo 5 anni (1964-1969) che rivoluzionò con ironia la mentalità italiana parlando e cantando di cimiteri, sesso, religione, satira politica e anticipando una libertà che si sarebbe concretizzata dopo la rivoluzione del ’68.

Brivio era stato attore, cantante, cabarettista, direttore artistico e scrittore di libri in dialetto. Dopo il diploma all’Accademia dei Filodrammatici scrisse programmi Rai e gestì il teatro in Galleria del Corso a Milano, prima di aprire sette locali dove si faceva spettacolo musicale e umoristico fino a notte fonda: il Refettorio, l’Art Mondial Cabaret, il Briviotenda, il Cristallo, l’Ariberto, La Scala della Vita.

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui