Nordic Film Fest 2019: grandi titoli per questo terzo giorno, da Border a What Will People Say

Nordic Film Fest - What Will People Say

Protagonisti di questa terza giornata dell’ottava edizione del Nordic Film Fest sono sicuramente il famoso Border, miglior film a Un Certain Regard dell’ultimo Festival di Cannes e What Will People Say, presentato alla 13ª edizione del Bari Film Fest.

Il tema della doppia vita è centrale per il terzo giorno di questa ottava edizione del Nordic Film Fest, il festival dedicato al cinema del Nord Europa. Si parte alle 15:00 con One Last Deal di Klaus Härö che racconta di un anziano mercante d’arte, Olavi, che sta per andare in pensione, un uomo che ha sempre messo affari e arte prima di tutto, anche della sua famiglia, e che non riesce ad immaginare una vita senza lavoro. Ad un’asta, un vecchio dipinto attira la sua attenzione. Olavi sospetta che valga molto più del suo prezzo di partenza che è basso perché la sua autenticità non è stata confermata.

L’istinto di Olavi prende il sopravvento: decide di fare l’ultimo affare per guadagnare un po’ di soldi per la sua pensione. Insieme a Otto, suo nipote, inizia a indagare sul dipinto. Scoprono che il dipinto si chiama Christo oscuro ed è stato dipinto da Ilya Repin. Olavi riesce ad acquistare il dipinto, ma quando la casa d’aste si rende conto che c’è stato un errore con il prezzo originale, si scagliano contro di lui. Per realizzare il suo sogno, il vecchio mercante deve affrontare sia la potente casa d’aste che i propri errori del passato. Un rapporto stretto tra due generazioni, uniti dall’arte, da un dipinto e dal mistero che quest’opera, e a volte tutta l’arte, ha dietro di sé. Il film è stato presentato al Toronto International Film Festival nel 2018.

Nordic Film Fest - The Charmer
Una scena del film The Charmer

Si va avanti alle 17:00 con The Charmer di Milad Alami e la doppia vita del protagonista: Esmail è un giovane iraniano che sta cercando disperatamente di incontrare donne che possano assicurargli la permanenza in Danimarca. Ha poco tempo per trovare una partner danese e non andare incontro all’espulsione. Mentre il tempo sta scadendo e la tensione sale, una giovane e affascinante donna entra nella vita di Esmail, minacciando di stravolgerla e far sì che il suo passato e la verità vengano a galla. Un film sospeso tra mistero e thriller psicologico, cosa nasconde Esmail? Il suo bisogno di una donna, una moglie, una casa e la cittadinanza danesi sono comprensibili e chiari, ma c’è qualcos’altro.

Non è chiaro se sia legato a un uomo che lo segue o a qualcosa che lo tiene lontano dall’Iran e dalla famiglia con cui comunica attraverso Skype alcune volte a settimana. Tra senso di colpa e disperato tentativo di non dover essere espatriato, le due vite di Esmail diventano sempre più visibili, si fondono insieme, una influenza l’altra, ognuna delle due sono sempre più ingombranti, fin quando, inevitabilmente, si incontrano, e lui dovrà decidere tra le due. E forse compierà una scelta che per lui era l’unica possibile, l’unica da sempre.

Nordic Film Fest - Border
Una scena del film Border

Si arriva poi alle 19:00 al famoso e atteso Border di Ali Abbassi, introdotto da Piodor Gustafsson, produttore del film. Protagonista della storia è l’ufficiale di dogana Tina, nota per il suo olfatto eccezionale: riesce a fiutare le emozioni. Ma quando incontra Vore ne è irresistibilmente attratta e le sue abilità vengono messe alla prova. Scoprirà che tutta la sua esistenza non è stata che una menzogna e si ritroverà a dover scegliere se continuare a vivere una bugia o accettare la sconvolgente verità che le viene offerta da Vore.
Il film è stato candidato all’Oscar come miglior trucco e acconciatura, miglior film a Un Certain Regard dell’ultimo Festival di Cannes, 4 candidature agli European Film Awards, vincitore del Noir in Festival, vincitore di 4 Guldbagge Awards (gli Oscar del cinema svedese), tra cui miglior film e miglior attrice.

Border è un film originale e, per certi versi, indefinibile, come genere soprattutto. La particolarità della storia è chiara fin da subito, dall’aspetto della protagonista alla sua innata capacità di sentire le emozioni, ciò che di più prezioso e nascosto c’è in noi. Il film rappresenta quanto l’apparenza inganni, e lo fa attraverso molti elementi e molte forme. A tratti crudo e violento, a volte estremamente dolce e romantico, Border lascia un segno indelebile in qualsiasi spettatore, come ha detto il produttore Piodor Gustafsson «che lo si ami o si odi, Border viene ricordato, e lascia qualcosa a chiunque lo veda».

Nordic Film Fest - What Will People Say 2
Una scena del film What Will People Say

La terza giornata finisce con il crudo What Will People Say, di Iram Haq alle 21:00. La protagonista è Nisha, che vive una doppia vita: a casa con la sua famiglia è una figlia pakistana, mentre con gli amici è una ragazza norvegese. Quando suo padre la scopre con il suo fidanzato, i suoi due mondi si scontrano. Per farne un esempio, i genitori decidono di rapirla e mandarla dai parenti in Pakistan. Qui, in un Paese nel quale non è mai stata prima, Nisha dovrà adattarsi alla cultura dei suoi genitori. Ma ce la farà? E basterà davvero adattarsi? Il mondo sembra essere contro Nisha, costringendola ad una vita che le priva qualsiasi tutto a cui i giovani occidentali sono abituati, togliendole identità e, a volte dignità.

Per quanto si sforzi di essere la figlia che i suoi genitori e le persone con cui viene in contatto vorrebbe che fossero, c’è sempre qualcosa che la porta ad essere dipinta per qualcuno che non è, come una ragazza che crea solo problemi, motivo di vergogna per se stessa e per la sua famiglia. Coinvolgente, ricco di colpi di scena e crudo, com’è la vita di Nisha, rappresenta un mondo lontano dal nostro, ma ancora molto sentito e condiviso. Interessanti anche i personaggi dei genitori di Nisha e dei suoi familiari, che le offrono assurde soluzioni e non riescono a capire la propria figlia, vedono solo il senso di colpa e di vergogna, si preoccupano di come verranno visti, marchiati dagli altri, appunto, di come dice il titolo: cosa dirà la gente?

Il nostro giudizio sui film visionati.

The Charmer

[yasr_overall_rating]

Border

[yasr_overall_rating]

What Will People Say

[yasr_overall_rating]

 

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui