Dai videogiochi al cinema: i migliori film sul gaming, da Rampage a Silent Hill

Film e videogame, ecco i migliori
Film e videogame, ecco i migliori

Cinema e videogiochi, un binomio che negli anni si è sviluppato sempre più, generando film molto riusciti e autentici cult: ecco i principali

La settima arte e il settore dell’intrattenimento che ha conosciuto la crescita maggiore negli ultimi anni: quello tra film e videogiochi è un legame a doppio filo da diversi decenni, con film che hanno dato spunto a giochi per le più diverse piattaforme (di successo o no) e, viceversa, giochi che hanno ispirato la realizzazione di film.

Il gioco, inoltre, è stato spesso fonte di ambientazione dei film, come nel caso delle tante pellicole ambientate nei casinò, dai vari James Bond a capolavori come Casinò di Scorsese. Un tempo unici luoghi dedicati al gioco, ambientazione perfetta per pellicole dei generi più diversi, i casinò sono oggi a portata di smartphone grazie alla realizzazione di app di gaming e siti mobile che riproducono in forma videoludica i giochi più famosi, come per esempio il blackjack, che si può provare su siti come PokerStars Casino insieme a tutte gli altri passatempi tipici (poker, roulette, baccarat), in un’esperienza del tutto simile a quella fisica.

Film e gaming, dunque, hanno da sempre un rapporto privilegiato, che non sempre ha dato buoni frutti. Uno dei primi casi di conversione da film a videogioco è stato quello di E.T. l’Extraterrestre: il leggendario film di Spielberg, un successo che va al di là del tempo, è anche il fallimento più clamoroso di Atari, la famosa casa videoludica americana, una delle prime a lanciare console da videogiochi casalinghi. La leggenda vuole che la conversione videoludica del film per Atari 2600 fu un flop tale da spingere l’azienda di videogiochi a seppellire le cartucce invendute nel deserto del New Mexico.

I tie-in tra film e videogiochi sono comunque incredibilmente numerosi, e non di rado si sono rivelate delle belle sorprese. Per esempio, Rampage, del 2018: il film ha preso spunto da un famoso videogioco arcade (poi convertito per diverse console) che vedeva tra i protagonisti tre mostri giganti con cui distruggere palazzi e case. A differenza delle aspettative, il film, con protagonista Dwayne Johnson, si è rivelato un action movie ben fatto, divertente e pieno di azione: non certo un capolavoro da cineteca, ma un film onesto che fa quello che deve fare.

Lo stesso si può dire di Pokemon: Detective Pikachu, film ispirato al titolo per Nintendo DS che ha come protagonista principale il famoso Pokémon nelle vesti di un detective alla ricerca dello scomparso investigatore Harry Goddman insieme al figlio Tim. L’ambientazione e la trama ne fanno un film piacevole per tutti.

Non poteva mancare in questa lista la saga di Tomb Raider. Il videogioco è uno dei titoli più famosi, simbolo della PlayStation, un mix di azione e rompicapo molto amato, soprattutto per via della protagonista, Lara Croft, un’Indiana Jones al femminile incarnata, nella trasposizione cinematografica, prima da Angelina Jolie e, nel remake più recente, da Alicia Vikander. I film non hanno sicuramente ottenuto il plauso unanime della critica, ma rimangono buoni action movie. I giochi, invece, sono considerati tra i più divertenti ed emozionanti del genere.

E se Mortal Kombat è uno dei “picchiaduro” più noti al pubblico, una saga infinita che dura dal primo titolo del 1992, i film tratti dal videogioco, pur non essendo dei capolavori, hanno saputo riprodurre fedelmente lo spirito del titolo. Il film del 1995 vedeva tra i protagonisti persino Christopher Lambert, il reboot del 2021 l’artista marziale Lewis Tan. Per gli appassionati, vedere in azione i protagonisti del gioco, incarnati da attori in carne ed ossa (e con un buon contributo della computer grafica) non può che essere particolarmente emozionante.

Molto recente e a sorpresa, soprattutto dei critici, ben riuscito è Sonic the Hedgehog (Sonic – Il film), uscito nel 2020 e al quale quest’anno si è aggiunto anche un sequel. Ispirato alla leggendaria saga videoludica Sega, uno dei platform più belli e divertenti della storia dei videogiochi, il film può contare sulla partecipazione di Jim Carrey nei panni del dr. Robotnik, l’avversario per antonomasia del porcospino blu. Il film, così come il suo seguito, sono gradevoli e divertenti, con qualche battuta particolarmente riuscita e tanta, tanta azione.

Tra le trasposizioni più riuscite c’è Silent Hill, un survival horror ispirato all’omonima, amata saga videoludica: il film di Christophe Gans riesce a riprodurre alla perfezione lo spirito e l’ambientazione del gioco Konami.

Chiudiamo, infine, con la trasposizione cinematografica di quello che forse è il picchiaduro più famoso della storia: Street Fighter ha avuto una trasposizione nel 1994, Street Fighter – Sfida finale. Nonostante la presenza di Jean-Claude Van Damme, Raul Julia, Ming-na Wen e Kyilie Minogue, il film fu un flop e attirò l’ira dei fan del gioco. Insomma, non sempre un grande cast riesce a risollevare le sorti di un film mediocre.

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui