I primitivi, Scamarcio e Cortellesi doppiano il film in stop motion: recensione

I primitivi - banner

I primitivi è il nuovo film di animazione stop motion diretto dal premio Oscar Nick Park, per la prima volta regista unico di un lungometraggio. Aspettative superate, per un prodotto divertente e tecnicamente perfetto con doppiatori d’eccezione come Riccardo Scamarcio e Paola Cortellesi.

Spirito di squadra

Come suggerisce il titolo I primitivi, protagonista del film è una piccola tribù dell’Età della Pietra la cui tranquillità viene turbata dall’arrivo del cattivissimo Lord Nooth (Salvatore Esposito), capo di un popolo già evolutosi all’Età del Bronzo. Dopo essere stati costretti ad abbandonare l’amata valle, il giovane Dag (Riccardo Scamarcio) e i suoi amici hanno un solo modo per riconquistarla: vincere una partita di calcio, gioco fino a quel momento a loro sconosciuto, contro il Real Bronzio di Lord Nooth. Prende così vita una sfida tra le due civiltà che, grazie all’aiuto della vulcanica ed esperta Ginna (Paola Cortellesi), porterà la squadra della piccola tribù a scoprire l’importanza dell’amicizia e del restare uniti nonostante le avversità.

Il regista

Debutta come regista unico di un lungometraggio il quattro volte premio Oscar Nick Park che realizza, in stop motion, il suo sogno di creare una commedia ambientata nella preistoria. I dialoghi divertenti, l’attenzione ai particolari (dalla scenografia al disegno) e la caratterizzazione precisa dei personaggi, rendono questo film una delizia anche per gli adulti che, pertanto, possono apprezzarne maggiormente il valore sia tecnico che emozionale. Per I primitivi sono stati creati 273 pupazzi realizzati da 23 artisti nell’arco di ben 30 mesi di lavoro. Uno dei principali punti di forza del regista inventore delle pluripremiate avventure di Wallace & Gromit è appunto la sua attenzione ai dettagli come animatore: ad esempio, ha lavorato ore sul taglio di capelli di Dag affinchè fosse perfetto e riconducibile alla sua personalità. Per la realizzazione del film ci sono voluti ben 8 anni, ma il risultato conferma che Nick Park non sbaglia un colpo!

I primitivi - Dag e Grugno
Dag e Grugno

Girls power!

Il film affonda le sue radici nel concetto di amicizia e nel superamento delle difficoltà grazie alla coesione del gruppo e alla ferrea volontà di raggiungere un obbiettivo. In questo frangente la figura della donna assume un ruolo di grande rilievo: Ginna, la ragazza cresciuta nell’Età del Bronzo, non può giocare a calcio in quanto donna, ma avrà la sua chance sposando la causa dei primitivi e unendosi a loro, rivelandosi sopratutto la chiave di salvezza per i suoi compagni. E’ proprio lei, infatti, ad insegnare ai suoi amici maschietti il gioco del calcio, dimostrandosi una calciatrice fenomenale e una grande leader. Anche la figura della Regina Suprema, per quanto marginale, è dotata di un potere così grande da essere l’unica in grado di intimorire il temibile Lord Nooth e di punirlo per le sue disoneste azioni.

Il cast stellare dei doppiatori

Sia in lingua originale (l’inglese), sia in italiano, il cast dei doppiatori è d’eccellenza. A prestare la voce al protagonista Dag è il premio Oscar Eddie Redmayne, mentre in Italia è Riccardo Scamarcio a dare vita a questo personaggio risultando, nonostante fosse al suo debutto, piacevole e convincente. L’energica Ginna è la strordinaria Paola Cortellesi, non nuova al doppiaggio di film di animazione, corrispettiva dell’inglese Maisie Williams (Arya Stark ne Il trono di spade). Il cattivo Lord Nooth passa da Tom Hiddleston a Salvatore Esposito (lo spietato Genny Savastano in Gomorra) che con un misto di dialetti rende il personaggio tra i più divertenti. Corrado Guzzanti, impeccabile, è la voce di Barbo, il saggio capo tribù dei primitivi. Grullo, lo ”scemotto” del gruppo è un fugace Greg e ancora, nelle vesti inedite di doppiatori, troviamo il calciatore della Roma Alessandro Florenzi (una piacevole sorpresa) nel ruolo del talentuoso e vanitoso Dribblo e il tuttofare Chef Rubio promosso a pieni a voti nei “panni” del famelico Gordo. I doppiatori italiani erano anche presenti alla conferenza stampa del film. Concludendo, che sia in lingua originale o doppiato, sicuramente questo nuovo gioiellino di Nick Park merita assolutamente la visione.

I primitivi, diretto da Nick Park, con Riccardo Scamarcio, Paola Cortellesi, Salvatore Esposito, Greg, Corrado Guzzanti, Chef Rubio, Alessandro Florenzi, uscirà nelle sale italiane l’8 febbraio 2018, distribuito da Lucky Red.

Voto

 

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui