7 ore per farti innamorare, recensione: Morelli, Rossi e Del Bufalo alla “scuola di rimorchio”

7 ore per farti innamorare, recensione

7 ore per farti innamorare sancisce l’esordio alla regia di Giampaolo Morelli, autore della storia e suo protagonista: il risultato è un film spensierato e divertente, che parla d’amore e dei limiti che ognuno può (e deve) superare.

Machoman

Giulio (Giampaolo Morelli) è un giornalista di economia. Volendolo definire con tre aggettivi, si potrebbero utilizzare “serio”, “prevedibile”, “solido”. Un giorno, ad un passo dalle nozze con Giorgia (Diana Del Bufalo), scopre che quest’ultima lo tradisce con il suo capo Alfonso (Massimiliano Gallo). Lui sarebbe persino disposto a perdonarla ma lei lo lascia per il suo amante perché, a sua detta, “abbiamo tutti il diritto di essere felici”. Giulio si ritrova così costretto a rimettere in discussione tutte le sue certezze: lascia il lavoro per cominciare a scrivere articoli frivoli sulla rivista web “Machoman” (diretta da Vincenzo Salemme). Poi, per riconquistare la sua amata, comincia a frequentare l’Università delle seduzione. Qui conosce Valeria (Serena Rossi), una donna avvenente e dal carattere deciso. Lei, totalmente disillusa sull’amore, è una severa maestra di rimorchio per uomini single ai quali insegna l’arte della seduzione. D’altronde crede che le relazioni fra le persone dipendano da semplici stimoli biologici… Ma innamorarsi si rivelerà un mistero senza regole anziché quella scienza esatta che credeva di conoscere così bene.

Un lavoro 100% Morelli

7 ore per farti innamorare segna l’esordio alla regia di Giampaolo Morelli. In effetti il film rappresenta un progetto tutto suo o quasi, visto che la storia è tratta dal suo omonimo romanzo pubblicato da Piemme. L’attore lo ha anche sceneggiato, insieme a Gianluca Ansanelli, dopo averlo portato anche a teatro qualche anno fa (seppur con un cast diverso). Insomma, un’idea coccolata, curata e fatta crescere dallo stesso Morelli in cui inevitabilmente l’attore riesce a muoversi perfettamente a proprio agio, riuscendo a divertire ma anche ad emozionare in alcuni passaggi. Azzeccata la scelta delle due attrici protagoniste. Diana De Bufalo e Serena Rossi dimostrano di possedere il giusto fascino, la giusta ironia e il giusto atteggiamento. Due donne versatili, particolarmente adatte a questo tipo di commedia.

7 ore per farti innamorare: Giulio (Giampaolo Morelli) e Valeria (Serena Rossi) in una scena del film
Giulio (Giampaolo Morelli) e Valeria (Serena Rossi) in una scena del film

L’amore passato e l’amore futuro

Come nelle più classiche commedie sentimentali, il protagonista è diviso tra l’amore passato – quello per la sua ex fidanzata Giorgia – e una particolare attrazione per la donna che riesce a a scombussolare i capisaldi della sua vita – ovvero l’emancipata Valeria. L’evoluzione del personaggio, pronto a mettersi profondamente in discussione, muove le fila di un triangolo amoroso che è sì prevedibile ma anche decisamente gradevole. In altre parole, è chiaro sin dall’inizio quale sarà la conclusione ma al tempo stesso è divertente vedere il modo in cui ci si arriverà.

Un film spensierato

Di fondo, 7 ore per farti innamorare è film spensierato che ruota intorno ai suoi protagonisti e ai diversi modi in cui è possibile amare. Ma non solo. Ad essere tirati in ballo ci sono anche le moderne tecniche di seduzione, in cui i social e il web giocano un ruolo importante. Morelli, protagonista di un incontro con la stampa in video conferenza, ha ammesso di aver contattato due maestri di questi corsi on-line per approfondire l’argomento e verificarne l’efficacia. Valeria in effetti insegna tecniche di rimorchio agli uomini come una “Hitch” al femminile e i suoi consigli appaiono assolutamente sensati. Infine, un plauso al ritratto che viene fatto di Napoli: il film è stato interamente girato nel capoluogo campano e lascia intravedere degli scorci che rendono giustizia ad una delle città più belle d’Italia.

7 ore per farti innamorare, costretto a saltare le sale cinematografiche a causa delle misure di contenimento dovute al Covid-19, è disponibile on-demand a partire dal 20 aprile 2020. Il film potrà essere acquistato su Sky Primafila Premiere, Chili, Infinity, Timvision e Rakuten TV. Nel cast anche Fabio Balsamo (The Jackal), Andrea Di Maria, Peppe IodiceAntonia Truppo e Diletta Leotta (nel ruolo di se stessa).

VOTO:

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui