Capoccetti sbarca al Teatro Trastevere con Ero 70, scritto da Bilotta

Capoccetti sbarca al Teatro Trastevere con Ero 70, scritto da Bilotta

David Capoccetti sbarca al Teatro Trastevere con Ero 70, scritto e diretto da Emanuele Bilotta: tre repliche per il 28-29-30 Settembre 2020 ore 21

Dopo il sold out del debutto, registrato questa estate presso il Teatro del Lido di Ostia,
Emanuele Bilotta e David Capoccetti sbarcano al Teatro Trastevere con Ero 70 per tre repliche, dal 28 al 30 Settembre.

Negli anni ’70 l’eroina riesce ad attecchire fino a cancellare una generazione. Gli elementi che favoriscono l’avanzare di questo fenomeno sono la diffusione incontrollata di pillole chimiche e psicofarmaci che vengono prescritti e distribuiti senza criterio, demonizzazione di hashish e marijuana, l’immissione sul mercato di questa nuova sostanza a prezzi vantaggiosi e lontana dai riflettori della legge. Nel 2019, si sta registrando una nuova ondata di eroina sul territorio italiano. Anche oggi questo avviene nel completo silenzio, mentre si demonizzano hashish e marijuana, si distribuiscono psicofarmaci senza criterio e pasticche e cocaina riempiono locali, uffici, strade. Nel 2016, su 268 morti per droga, se ne registrano 99 per eroina, nel 2017 su 294 vittime, se ne registrano 148.

Ero 70, scritto e diretto da Emanuele Bilotta, parte da questa riflessione: dall’urgenza di mostrare a più occhi possibili cosa è avvenuto cinquanta anni fa. Una storia che potrebbe essere raccontata da molte bocche degli occhi che la vivranno. Una storia che molte pelli sentiranno ancora vivida addosso. Ma, allo stesso tempo, una storia che si sta ripetendo, con il rischio di mietere le stesse vittime di allora. In scena, come menestrello, cantastorie e narratore, David Capoccetti (quest’anno ospite fuori concorso alla Mostra del Cinema di Venezia con il docufilm Distanziati, di Stefano Calvagna) il quale, con l’ausilio di chitarra e armonica, porta il pubblico in un viaggio negli anni ’70, partendo dalla musica e dai costumi dell’epoca, per arrivare al dramma silenzioso che ha distrutto intere generazioni.

C’è la storia del barcone sul Tevere, che nel 1970 ha dato il via al fenomeno droga in Italia, con controlli mirati a reperire e sequestrare quanto più hashish possibile, per poi scoprire, tre anni dopo che era un bluff costruito ad hoc dalla stampa dell’epoca. La storia delle anfetamine promosse come aiuto allo studio e al lavoro o come miracolose sostanze dimagranti. Ma c’è tempo anche per parlare di canapa e di comunismo, dell’America e delle sue contraddizioni, della Repubblica di Salò e delle scelte obbligate di un’Italia salvata dai suoi stessi errori.

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui