Stracult chiude: Giusti «Ci chiudono, ma perché?», Biggio «È stato un onore», Rea «Momento particolare»

Stracult Live Show
Stracult Live Show - conduttori

Stracult, la storica trasmissione cinefila di Rai2, chiude dopo 20 anni: ecco le parole del creatore Marco Giusti, che non ci sta, degli autori Luca Rea e Stefano Raffaele, e del conduttore Fabrizio Biggio

E’ una situazione delicata quella di Stracult. Lo storico programma di Rai2, che da ben 20 anni si è ritagliato uno spazio di nicchia tra gli appassionati del cinema di genere, sembra destinato a chiudere definitivamente i battenti il 23 novembre: inizialmente sospeso causa ridimensionamento covid come altre trasmissioni Rai, a quanto pare il programma non riprenderà nel 2021, forse a causa degli ascolti (che mediamente variano dall’1.5 al 3% di share) o forse no.

E ad annunciarlo è proprio il suo creatore Marco Giusti che, ormai prossimo all’aver maturato l’età pensionabile, dalle colonne di Repubblica lamenta l’accantonamento da parte della Rete: «Non mi hanno chiesto nulla. E non mi hanno neanche parlato di ascolti. Che devo dire, se le cose si vogliono fare, si fanno: ma non mi sembra questo il caso. Mi hanno anzi fatto capire che il programma potrebbe anche continuare un giorno senza di me». Prosegue poi Giusti che, all’ipotesi di altre motivazioni che non riguardino gli ascolti, risponde: «Non sono sicuro di avere grande affinità con questa Rai2». E’ vero, dopo una vita passata in Rai, Giusti dovrebbe e potrebbe godersi giustamente l’imminente pensione, ma come altri illustri casi dimostrano, non necessariamente arrivati al “traguardo” è giusto essere “rottamati”, ed infatti eccolo lanciare una frecciatina in tal senso: «Sorrido a pensare che quando sono entrato in Rai c’erano Bruno Vespa e Michele Guardì, ed erano già considerati un po’ antichi. Sono sempre lì e nessuno si pone alcun problema».

Stracult

Il trailer del nuovo #Dune è appena uscito ed è già polemica. 🤣🎬 #stracult

Pubblicato da Stracult Rai2 su Giovedì 1 ottobre 2020

Forse è il cinema di genere a non tirare più come prima, visto che oltretutto in questi 20 anni quasi tutti i protagonisti dell’epoca d’oro ci hanno lasciato, ma Stracult negli ultimi tempi (che comprendono anche la trasmissione gemella Troppo Giusti, poi unificata con quella storica) aveva bypassato il problema occupandosi non solo del passato, ma anche delle nuove uscite cinematografiche, con Giusti che rincara la dose: «Presentiamo a ogni puntata i migliori film in uscita, (…) il paradosso è che la Rai non avrà più un vero programma dove si parla dei film». Resterebbe così in realtà solo il marzulliano Cinematografo che, oltre ad andare in onda ad orari improbabili, propone un format antiquato (per non dire soporifero), ben lontano dal variegato mix stracultiano, che riesce ad intrattenere, oltre che ad informare, e che ha trovato la quadra con la doppia conduzione affidata alla spumeggiante Andrea Delogu e alla simpatia di Fabrizio Biggio.

Giusti sembra infine voler ribadire che la chiusura sia forse dovuta al raccontare troppo il passato e poco il presente, cosa che prima era quasi esclusiva e di cui ormai si occupano diversi altri programmi nel corso della giornata Rai: «Noi eravamo più che presenti anche sul cinema di oggi. Ci chiudono, buon per loro. Ma vorrei capire perché, e non ci riesco».

Stefano Accorsi

Il segreto per una lunga carriera sta nell’improvvisazione… ma un bel sorriso non guasta! 😁 Stefano Accorsi #stracult

Pubblicato da Stracult Rai2 su Mercoledì 14 ottobre 2020

Dopo il “terremoto” provocato tra i fan dalle parole di Marco Giusti, ed in attesa di capire se la magnitudo sarà sufficiente a smuovere un po’ i vertici della Rete, lo storico co-autore della trasmissione, Luca Rea, è intervenuto sulla questione rimandandola a momenti più consoni, vista la pandemia in atto: «Stracult chiude il 23 novembre. Per quanto mi riguarda preferisco non discutere di nulla al momento. Molti amici e parenti sono stati in questi giorni e sono in questo momento malati e in sofferenza. Mai in vita mia avevo avuto tanta sofferenza attorno a me e credo che Stracult, con tutto l’affetto per un programma che faccio da 20 anni, possa essere tranquillamente messo da parte e ci si possa e debba concentrare sui nostri cari e sul resistere a questo dramma. Grazie cmq a chi scrive per sapere di Stracult».

Uno degli altri autori di Stracult, Stefano Raffaele, ci ha rilasciato un breve ma incisivo augurio: «Io spero soltanto che “l’universo Stracult” possa avere un seguito. Malgrado tutto».

Garrone e Ceccherini

🖋 Quella volta che… con Matteo Garrone e Massimo Ceccherini tornammo tutti bambini grazie a #Pinocchio 🤥 #Stracult

Pubblicato da Stracult Rai2 su Venerdì 17 aprile 2020

Mentre la conduttrice Andrea Delogu preferisce lasciar parlare gli autori del programma, il co-conduttore Fabrizio Biggio, da noi interpellato, ha invece espresso il suo dispiacere e speso parole lusinghiere per Stracult: «Dico che è stato un onore poter condurre “Stracult” insieme a Marco ed Andrea. Ero un fan. Ascoltare Marco e gli autori raccontarmi le storie di cui avremmo parlato in puntata era un piacere immenso. Perché c’era passione. La trasmettevano a me ed io spero di essere riuscito a trasmetterla al pubblico. Credo che “Stracult” lasci un grosso vuoto. Voleva raccontare da dove veniamo, chi eravamo e quindi chi siamo adesso. Credo sia importante che qualcuno lo faccia. La storia, si sa, è importante, e noi amavamo raccontare quella del cinema o della Tv, come se fosse una missione. “Stracult” mi mancherà. Anche e forse soprattutto come spettatore».

Mi manchi

🖋 Quella volta che… Fabrizio Biggio dedicò "Mi manchi" ad Andrea Delogu. 💌 Un messaggio che vale oggi, proprio come allora. ❣ #Stracult

Pubblicato da Stracult Rai2 su Mercoledì 1 aprile 2020

Cosa succederà, a questo punto, a Stracult? Di sicuro c’è solo che il 23 novembre andrà in onda l’ultima puntata del 2020. I tempi per trovare una soluzione per il 2021 ci sono e, forse, con un po’ di buona volontà si riuscirà a scongiurare una chiusura che rappresenterebbe una ferita per tutti gli appassionati di cinema, non solo di genere. A questo punto la “palla” passa a Rai2 e al suo direttore Ludovico Di Meo. Nel frattempo, augurandoci di avere presto news positive, non si può che concludere come ci ha abituati da anni Andrea Delogu: «Viva Stracult!!!».

Barbara Bouchet

🖋 Quella volta che… Barbara Bouchet disse la sua su "C'era una volta a… Hollywood" e su Sharon Tate, la sua amica del cuore. 💕 #Stracult

Pubblicato da Stracult Rai2 su Giovedì 2 aprile 2020

1 commento

  1. E’ semplicemente incredibile che chiudano Stracult. Fare il 3% di share all’una di notte non è male no?
    Il problema è che dovrebbero mandarlo alle 22.30. Ma il problema, forse, è che parlano troppo di cinema italiano. Se parlassero solo di cinema americano, lo manderebbero in onda in prima serata.

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui