Coronavirus, addio a Samantha Fox: muore la regina del porno anni ’80

Coronavirus, addio a Samantha Fox: muore la regina del porno anni '80

Samantha Fox, una delle primissime star del mondo a luci rosse, muore a 69 anni stroncata dal Coronavirus: lo hanno fatto sapere la sorella e la collega Anne Sprinkle.

Samantha Fox, pseudonimo di Stacia Micula, è morta a 69 anni a causa del Coronavirus. Il decesso, avvenuto con ogni probabilità il 22 aprile, è stato comunicato dalla sorella al sito The Rialto Report e confermato anche dalla collega Anna Sprinkle tramite i social. “Fox è stata speciale nella mia vita, e il suo amore con Bobby fu per tutta la vita, lei è finalmente libera! Verrà ricordata. Dannato #covid19. Lei rimane viva attraverso il suo lavoro leggendario”, ha twittato la Sprinkle.

La Fox, nata a New York ma di origini scozzesi, fu protagonista di una novantina di film per adulti a cavallo tra gli anni ’70 e ’80. Non a caso divenne una delle prime pornostar al mondo. A lanciarla furono pellicole quali Tiffany Minx (Intrighi proibiti di mia moglie) di Robert Walters, October Sylk (Mogli morbose) di Henri Pachard e Jack’n Jill di Mark Ubell che le valse il suo primo Erotica Award. In seguito girò moltissimi altri film a luci rosse, tra cui spicca Outlaw Ladies di Henri Pachard ritenuto il miglior porno del 1981 dalla rivista di settore HustlerSamantha Fox partecipò anche ad alcuni B-movie per poi cercare di tornare al cinema soft, ma la sua carriera si interruppe di lì a poco tempo. Il decesso è avvenuto per problemi cardiovascolari e complicanze dovute al contagio da Coronavirus.

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui