Addio al regista Bertrand Tavernier, Leone d’Oro alla carriera a Venezia, premiato a Cannes e Berlino

Bertrand Tavernier a Venezia 2015
Bertrand Tavernier a Venezia 2015

E’ morto il celebrato regista francese Bertrand Tavernier, premiato con due BAFTA, a Cannes e Berlino, a Venezia con il Leone d’Oro alla carriera: da Colpo di spugna a La vita e nient’altro, da Una domenica in campagna a L’esca

Il pluripremiato regista francese Bertrand Tavernier è morto oggi a Sainte-Maxime, in Provenza, un mese prima di compiere 80 anni. Lo annuncia l’Institut Lumière con il delegato generale del Festival di Cannes Thierry Frémaux.


Nato il 25 aprile 1941 a Lione, figlio dello scrittore e combattente della resistenza René Tavernier, il regista ha scoperto il cinema durante un soggiorno in un sanatorio. Ha esplorato tutti i generi con lo stesso appetito, costruendo così una filmografia molto eterogenea composta da una quarantina di titoli, da La morte in diretta a Round Midnight, da Daddy Nostalgie a Legge 627.

I suoi film hanno ricevuto premi ovunque: Colpo di spugna ebbe nel 1983 la nomination all’Oscar come miglior film straniero; poi Tavernier vinse il BAFTA per il film straniero e il premio speciale della giuria agli EFA nel 1989 con La vita e nient’altro, il premio per la miglior regia a Cannes nel 1984 per Una domenica in campagna, l’Orso d’Oro a Berlino nel 1995 per L’esca, il premio speciale della giuria sempre a Berlino nel 1974 per L’orologiaio di Saint-Paul, e poi ancora innumerevoli nomination e ben 5 premi César vinti (2 per la regia, Che la festa cominci… e Capitan Conan e 3 per la sceneggiatura, Che la festa cominci…, Il giudice e l’assassino e Una domenica in campagna). Infine ha ricevuto nel 2015 il Leone d’Oro alla carriera alla Mostra del Cinema di Venezia.

Personalità eminente del cinema francese, artista impegnato in un lavoro eclettico e riconosciuto all’estero, Bertrand Tavernier ha realizzato film d’epoca e contemporanei. Aveva una predilezione per i soggetti sociali. Da grande cinefilo si è anche occupato della conservazione e trasmissione di film. È stato a capo dell’Institut Lumière, con sede a Lione, sin dalla sua creazione.

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui