Fiorella Mannoia, a Caracalla ospiti Baglioni, Cocciante, Vanoni, Gabbani

Fiorella Mannoia_ph Dirk Vogel
Fiorella Mannoia_ph Dirk Vogel

Fiorella Mannoia svela gli ospiti dei due concerti eventi con orchestra alle Terme di Caracalla a Roma tra cui Claudio Baglioni, Riccardo Cocciante, Ornella Vanoni e Francesco Gabbani

Svelati a sorpresa gli ospiti che si alterneranno al fianco di Fiorella Mannoia sul palco di Caracalla in occasione dei due speciali concerti-evento il 3 e 4 giugno. A rivelarli è stata la stessa artista ospite in diretta ai microfoni di RTL 102.5: “Festeggeremo il mio compleanno, un po’ in ritardo, per due giorni consecutivi con tanti amici che hanno attraversato la mia vita artistica e mi verranno a trovare. Ci saranno Claudio Baglioni, Giorgia, Elodie, Alessandra Amoroso, Riccardo Cocciante, Gigi D’Alessio, Ornella Vanoni, Noemi, Enrico Ruggeri, Ron, Francesco Gabbani, Rocco Hunt, Tosca, Luca Barbarossa, Paola Turci, Danilo Rea, Frankie Hi-Nrg Mc, Amara, Carlo Conti, Giorgio Panariello, Edoardo Leo”.

Oltre ai due eventi speciali di giugno a Roma, Fiorella Mannoia darà il via a un lungo tour estivo, durante il quale sarà accompagnata per la prima volta da un’orchestra sinfonica nelle location più suggestive di tutta Italia, a partire dal 15 luglio. Fiorella Sinfonica – Live con Orchestra inizierà con la data zero l’11 luglio a Gavorrano, per poi proseguire con ventotto tappe in tutta Italia. In merito al tour, Fiorella Mannoia ha raccontato: «Sarà un’estate sinfonica, un bel giro lungo con tantissime tappe.

Vi dovete aspettare tutte le mie canzoni riarrangiate per un’orchestra sinfonica, saranno nuove, diverse e molto emozionanti». I biglietti per i live di Roma alle Terme di Caracalla e quelli del tour Fiorella Sinfonica – Live con Orchestra, prodotti e organizzati da Friends & Partners e Oyà, sono disponibili su www.ticketone.it e nei punti vendita abituali.

Nel corso di W L’ItaliaFiorella Mannoia ha parlato dell’importanza delle parole nei suoi brani e dell’evento Una. Nessuna. Centomila che si è tenuto lo scorso maggio. «Quando la gente mi dice che le mie canzoni aiutano, mi sento tanto piccola perché le parole penetrano proprio le persone. Le parole sono importanti e sono armi: se le usi bene fai del bene, se le usi male fai del male. È una cosa più grande di me. Quando scrissi “Che sia benedetta”, dentro di me pensavo che qualcuno si sarebbe risentito di queste parole.

Invece, la maggior parte delle persone che è venuta a ringraziarmi per questa canzone sono persone disabili, malate e tra le più sofferenti. Non l’avrei mai pensato. Un altro grande risultato che abbiamo raggiunto è stato quello della raccolta fondi legata a “Una. Nessuna. Centomila”, con risultati importanti. È la prima volta che abbiamo una risposta così alta per un evento legato alla violenza» ha concluso l’artista.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci qui il tuo nome