Alla ricerca del tempo perduto sbarca con Duccio Camerini all’Off/Off Theatre

Duccio Camerini - Alla Ricerca del tempo perduto

Alla ricerca del tempo perduto di Marcel Proust, l’opera più lunga mai scritta, calcherà le scene dell’Off/Off Theatre dal 12 al 14 aprile. Un riadattamento curato da Pino di Buduo e Duccio Camerini che risulta come un vero e proprio viaggio nell’Io e nel concetto di mondo.

Duccio Camerini presenta per la prima volta all’Off/Off Theatre, dal 12 al 14 aprile, l’adattamento teatrale dell’intera opera di Marcel Proust, Alla ricerca del tempo perduto (À la recherche du temps perdu), vestendo gli abiti dell’autore e dei personaggi che gli ruotano intorno, immerso in scenografie digitali firmate dal video designer Stefano Di Buduo e diretto da Pino Di Buduo.

Duccio Camerini e Pino di Buduo prendono il più lungo libro mai scritto (composto da 7 libri: La strada di Swann, All’ombra delle fanciulle in fiore, I Guermantes, Sodoma e Gomorra,  La prigioniera, La fuggitiva, Il tempo ritrovato) e ne traggono un racconto fulminante, un viaggio dell’io, una storia che è anche un’enciclopedia di storie, un punto di vista su com’è fatto – e come dovrebbe essere fatto – il mondo.

L’educazione esistenziale, sentimentale e sessuale di un ragazzo che si scoprirà scrittore,  resa in un racconto sugli uomini e sul tempo, che poi è la malattia che li perseguita. Uno dei più grandi esperimenti letterari di sempre viene così messo in scena non come un bozzetto della “belle epoque”, lussi ed eccessi, bensì come il percorso di un’anima, la cui ironia, violenza, tenerezza, ci riguardano profondamente. Perché la “Recherche” è un grande romanzo-provocazione di fine millennio, che affonda in un’epoca di transizione, sfuggente e inafferrabile proprio come la nostra, adesso.

Duccio Camerini
Duccio Camerini

Nota di drammaturgia di Duccio Camerini

La “Recherche” è una delle più grandi architetture letterarie di tutti i tempi. Come tradurre tutto questo in un linguaggio teatrale? Questo era innanzitutto il mio desiderio, ma anche la sfida che ha animato il lavoro. Gli ostacoli erano molti, a prima vista non sembrava di vedere che ostacoli, grandi massi seminati sul cammino. Proust è un autore conosciuto soprattutto per il suo stile. La digressione, la descrizione, la creazione di atmosfere.  E’ noto l’episodio di quando portò il primo libro de “La Recherche” ad un editore, e questi rispose che non capiva perchè pubblicare un libro in cui il protagonista impiega 30 pagine ad addormentarsi. Eppure le atmosfere sottili non sono tutto in lui. Proust è uno scrittore che sa essere violento, attraverso le azioni che “mette in scena”, gli oggetti, la lettura degli oggetti, oppure attraverso i suoi celebri dialoghi affilati.

Forse la chiave era proprio partire da quelle “azioni”: il teatro, si sa, ha simpatia per le azioni. A costo anche di rinunciare a molto, moltissimo dell’originale. Impossibile entrare in competizione con quell’incredibile oceano di parole. Personaggi, dunque, eventi, una griglia, un reticolo di esseri e di conseguenze, suscitate dal loro agire. Ma anche di passato, di cause sfuggenti. Un mondo labirintico e mentale, una storia mai dritta ed esplicita, un romanzo di formazione negato fino all’ultimo. Forse alla fine un esercizio meditativo, quasi una forma di ascesi orientale – Harold Bloom ne è convinto –  la ricerca di una rivelazione, la decifrazione del linguaggio che attraverso i nostri corpi ogni giorno parla il tempo.

Uno scatto di Duccio Camerini
Uno scatto di Duccio Camerini

Nota di regia di Pino di Buduo

La ricerca del Teatro Potlach sulla “memoria”, partito con “Le città invisibili” di Italo Calvino, va avanti da tanti anni. Quando Duccio Camerini mi ha chiesto di lavorare insieme su “Alla ricerca del tempo perduto”, ho detto subito istintivamente sì. Perché si? Con Proust si affronta un lavoro pieno di stimoli profondi, che spinge oltre i propri limiti e fa abbattere margini che il tempo aveva scrupolosamente edificati. A me interessa quando un autore, un’opera letteraria, un pensiero ci entra così dentro, ci trascina nella tempesta, distruggendo e costringendo a ricostruire, facendoci scoprire nuovi approdi.

Di conseguenza ho scelto un setup digitale per creare un ambiente visivo con il quale Proust può dialogare, un partner virtuale che crea resistenze, associazioni, equivalenze, contrazioni e dilatazioni, spazi temporali, e che permetta allo spettatore di immergersi nella situazione dove ogni quadro è spazio e ricordo che riemerge. Marcel/Proust entra ed esce dalla sua stanza, non trova pace, vive in una specie di dormiveglia esistenziale, sente la fine avvicinarsi e vuole scrivere, scrivere, scrivere.  Un viaggio nella memoria e nell’immaginazione, nel tempo e nello spazio e nel nostro futuro.

Alla ricerca del tempo perduto
Alla ricerca del tempo perduto

OFF/OFF THEATRE
Via Giulia 19 – 20 – 21, Roma / DIREZIONE ARTISTICA SILVANO SPADA
Costo Biglietti: Intero 25€; Ridotto Over65 18€; Ridotto Under35 15€; Gruppi 10€ – info@altacademy.it
Dal Martedì al Sabato h.21,00 – Domenica h.17,00

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here