WWF lancia uno spot di Muccino su un orso polare doppiato da Accorsi

Alla vigilia di Earth Hour WWF lancia un video firmato Gabriele Muccino su un orso polare, doppiato da Stefano Accorsi e arricchito dalle musiche di Paolo Buonvino.

Alla vigilia di Earth Hour 2018 che partirà oggi alle 20:30 il WWF lancia uno spot d’autore, prodotto e realizzato da EDI Effetti Digitali Italiani per la regia di Gabriele Muccino, sugli effetti dei cambiamenti climatici con al centro il difficile percorso verso la sopravvivenza di mamma orsa con i cuccioli. L’orso polare, a rischio di estinzione ed in pericolo a causa del cambiamento climatico, nel video, arricchito dal doppiaggio di Stefano Accorsi e dalle musiche di Paolo Buonvino, è in carne, ossa e pixel. Infatti è stato creato digitalmente da EDI per raccontare la condizione precaria della specie e, soprattutto della sua “casa” che si sta letteralmente sciogliendo. Per questo progetto, EDI ha sviluppato un orso polare partendo da un’approfondita e attenta ricerca di video e immagini per comprendere, innanzitutto, come un vero orso appare, si comporta e modifica i propri volumi con il movimento. È poi iniziata la fase, molto delicata, di trasportare questa complessità biologica nel mondo virtuale di un effetto digitale: sono stati creati scheletro e articolazioni, muscoli, grasso, pelle e peli, che individualmente e insieme rendono realistico il soggetto. Il lancio di questo video alla vigilia di Earth Hour non è casuale, come non è casuale la scelta dell’orso polare. Gli scienziati hanno diviso la popolazione totale di orsi polari in 19 unità o sottopopolazioni: secondo le stime gli orsi sono complessivamente tra i 22.000 e i 31.000 esemplari (molte aree non sono state ancora esplorate) ma gli ultimi dati forniti dal gruppo degli specialisti dell’orso polare dell’IUCN mostrano che tre sottopopolazioni sono in declino e che esiste un alto rischio stimato di futuro declino vista la velocità di riduzione del ghiaccio marino.

“La realizzazione di questa creatura in CG è stata una vera sfida che ha fornito ad EDI l’occasione di misurare le proprie capacità e la qualità fotorealistica dei nostri animali digitali”, afferma Francesco Grisi, Fondatore ed Executive Producer di EDI che aggiunge: “Il problema principale del fotorealismo è che non esiste il fattore soggettivo. Una creatura o è realistica oppure no. È stato un complesso lavoro durato quattro mesi ma, alla fine, guardando il risultato finale, la soddisfazione è tale da compensare abbondantemente tutti i nostri sforzi. Speriamo tutto questo incrementi la sensibilità rispetto al problema della preservazione dell’ambiente”. “Ho voluto dare voce alla condizione di sofferenza in cui versa l’Orso Polare, che poi non è altro che uno degli indicato-ri di quello che sta avvendendo al nostro fragile ecosistema” dice Gabriele Muccino, pluripremiato regista che spiega:“Siamo coscienti che si arriverà al collasso, sta succedendo in questo momento, anche se non avverrà domani. Credo sia necessario che ognuno, nel suo piccolo o nel suo grande, cerchi di fare qualcosa di concreto, invece di limitarsi semplicemente a parlare del problema”. “Siamo grati a Gabriele Muccino e ad EDI di questa meravigliosa opportunità”. Dichiara la presidente del WWF Italia Donatella Bianchi che aggiunge:“Entro i prossimi 35 anni rischiamo di perdere il 30% della popolazione di orso polare finora stimata tra i ghiacci artici. La riduzione dell’habitat di questo magnifico mammifero è uno dei tanti segna-li che il Pianeta sta lanciando sul cambiamento climatico e che colpisce una specie simbolo messa a dura prova. Earth Hour, l’evento globale del WWF serve proprio a sollecitare i governi, le aziende, i cittadini ad impegnarsi concretamen-te per salvare, insieme alla ‘casa dell’orso polare l’intero Pianeta: domani centinaia di milioni di persone in tutto il mondo lo chiederanno con una sola voce”.

WWF
Alla vigilia di Earth Hour il WWF lancia uno spot diretto da Gabriele Muccino e doppiato da Stefano Accorsi

L’appuntamento

Sabato 24 marzo si svolgerà l’undicesima edizione di Earth Hour (Ora della Terra), la manifestazione globale del WWF sui cambiamenti climatici. La manifestazione centrale dell’edizione italiana di Earth Hour si svolgerà a Roma al Colosseo, monumento che insieme a San Pietro e ai palazzi delle istituzioni (Quirinale, Camera, Senato, Corte Costituzionale, Presidenza del Consiglio) spegneranno la propria illuminazione. Lo spegnimento del Colosseo avverrà alle 20,30 (orario in cui, dopo aver attraversato Asia e medio oriente, l’Ora della Terra toccherà le città europee), e sarà effettuato dall’astronauta ESA, protagonista della missione VITA dell’ASI (Agenzia Spaziale Italiana) Paolo Nespoli insieme alla presidente del WWF Italia Donatella Bianchi. L’area media per poter intervistare Paolo Nespoli e tutti gli altri protagonisti della giornata sarà attiva dalle ore 19,30 (corner WWF lato est Colosseo, angolo Via dei Verbiti). Dopo lo spegnimento alle 20,40 da Arco di Costantino (lato Via San Gregorio) partirà il corteo di biciclette al quale, ad oggi sono prenotati più di 1000 partecipanti, che dopo aver attraversato tutta Roma arriverà a San Pietro (Piazza Papa Pio XII) in tempo per la riaccensione delle luci prevista per le 21,30 dove sarà possibile  possibile effettuare altre interviste.

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui