Vestire gli ignudi, Silvia Siravo al teatro Arcobaleno

Vestire gli ignudi

Vestire gli ignudi di Luigi Pirandello andrà in scena al Teatro Arcobaleno, dal 2 al 7 dicembre, con Silvia Siravo nei panni della protagonista, Ersilia. Regia di Giuseppe Argirò.

Vestire gli ignudi racconta una vicenda che ruota attorno alla vita di Ersilia, donna infelice e sfortunata. Una serie di amori sbagliati ed eventi luttuosi la spingono al suicidio. Agonizzante concede un’intervista ad un giornale, nella quale si descrive come una persona colpita dalle sventure. Con questa menzogna cerca di crearsi “un abitino decente” per la morte, cioè un’apparenza che gli altri possano accettare e compatire. Sono quindi “gli altri” i nostri temibili giudici, sempre pronti a condannare; le loro sentenze implacabili portano Ersilia ad inventare una nuova sé stessa, una persona migliore nella morte, come non aveva potuto essere in vita. In scena con Silvia Siravo: Aldo Vinci, Maurizio Palladino, Debora Mattiello, Filippo Velardi, Alessandro Scaretti.

Silvia Siravo interpreta il ruolo di Ersilia in un’opera di grande forza e attualità. Pirandello già nel 1922 analizzava l’importanza dei mezzi di comunicazione di massa e la sofferenza che diventa spettacolo. Mai commedia fu più attuale in una società come la nostra dove il voyeurismo morboso condiziona la nostra quotidianità a partire dai social media. Un’indagine profonda, che passa attraverso i consueti dubbi pirandelliani sull’identità: sono ciò che appaio? Sono davvero come gli altri mi vedono o mi immaginano? Se Ersilia fosse vissuta ai giorni nostri, altro non sarebbe che l’ennesima donna vittima di  violenza, in una società dove il tribunale mediatico ha un potere devastante, nel bene e nel male.

vestire gli ignudi
Silvia Siravo

Giuseppe Argirò nelle note di regia

“Il dramma  di Ersilia è il dramma della dignità negata, di una donna costretta a subire le prevaricazioni di un mondo maschile, impietoso di fronte alle legittime richieste di un‘esistenza normale che salvaguardi l’integrità della persona. La protagonista, colpevole di aver ceduto alla bramosia del Console Grotti, diviene causa involontaria della morte della figlia del diplomatico e viene così licenziata. Ersilia assurgerà cosi a capro espiatorio, vittima sacrificale, eroina tragica, abbandonata anche da un presunto fidanzato, Franco Laspiga che ha giocato con i suoi sentimenti. A Ersilia non rimarrà che tentare il suicidio per riappropriarsi della sua identità.  Lo scandalo diverrà pubblico attraverso i giornali e si trasformerà in una vera gogna mediatica alla quale sarà impossibile sfuggire. Pirandello  si dimostra nostro contemporaneo nel raccontare, la  scarnificazione dell’io e l’impossibilità di ogni comunicazione relazionale. L’autore siciliano afferma il principio ineludibile del conflitto che esplode, in modo drammatico e senza possibilità di risoluzione  sulla scena”.

Silvia Siravo attualmente – oltre ad essere impegnata nello spettacolo Vestire gli ignudi – è impegnata in prima linea nel progetto La voce delle donneConsiderazioni al femminile sulla violenza di genere, Mostra Fotografica – progetto e fotografie di Sergio Battista. Dal 2006 al 2017 le donne uccise in Italia sono state 1740 e di queste più del 70% in ambito familiare. Nella maggior parte dei casi, il femminicidio è preceduto da atti di violenza fisica e psicologica che tendono a minare la sicurezza e il senso di consapevolezza nelle donne. Su queste basi prende vita e acquista rilevanza il progetto fotografico: La voce delle donne cui hanno partecipato 21 donne che hanno aderito con entusiasmo, concedendo la loro immagine ed esternando i loro pensieri riguardo questa piaga sociale, in assoluta libertà di forma e di contenuti, senza remore o stereotipi. Ogni allestimento della mostra fotografica, è accompagnato da un reading,  un percorso fatto di volti e parole che trasportano i visitatori in un mondo intimo e straordinariamente prezioso di desideri, episodi ed esperienze realmente vissute, di quello che sarebbe potuto accadere, con semplicità e schiettezza, cercando di affrontare direttamente il cuore del problema. Ognuna ha trovato in questo progetto una possibilità per far sentire, in modo personalizzato e autentico, la propria voce; uno spaccato del mondo femminile raccontato coraggiosamente dalle donne mettendoci….. la faccia. Silvia Siravo è portavoce e sostenitrice di questo progetto che la vede in prima linea in difesa delle donne.

vestire gli ignudi
Silvia Siravo

Inoltre dal 27 febbraio all’ 11 marzo 2018, Silvia Siravo sarà in scena al Teatro Quirino con Marianella Bargilli, Ruben Rigillo e Carlo Greco in La signora delle camelie, di Alexandre Dumas, adattamento scene e regia Matteo Tarasco.

Tutte le informazioni sul sito http://www.teatroarcobaleno.it/?q=content/biglietteria per orari e biglietti.

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui