Venezia 77, Molecole di Andrea Segre è il film di pre-apertura della Mostra

Molecole - Elena Almansi vogatrice, Canal Grande, marzo 2020
Molecole - Elena Almansi vogatrice, Canal Grande, marzo 2020

Il film di pre-apertura di Venezia 77 sarà il documentario Molecole di Andrea Segre, girato proprio nella città lagunare dal regista rimasto bloccato per il lockdown

Sarà Molecole, il documentario di Andrea Segre prodotto da ZaLab Film con Rai Cinema in associazione con Vulcano e Istituto Luce Cinecittà e in collaborazione con Teatro Stabile del Veneto Carlo Goldoni, il film di pre-apertura della Mostra del Cinema di Venezia 77. Presentato il prossimo 1° settembre fuori concorso, precederà l’apertura ufficiale del film di Daniele Luchetti, Lacci.

Commenta Andrea Segre la sua partecipazione a Venezia 77: «Per fare un film bisogna pensarlo, scriverlo, organizzarlo, girarlo. Per “Molecole” non c’è stato nulla di tutto ciò. Non mi sono nemmeno accorto di girarlo. L’ho vissuto ed è uscito da solo, in un tempo e una dimensione che non potevo prevedere. “Molecole” è sgorgato. Come l’acqua. Poterlo presentare come film di pre-apertura della Mostra è per me un grande onore, il modo migliore per ringraziare la città che lo ha fatto nascere».

Andrea Segre (foto Valeria Fioranti)
Andrea Segre (foto Valeria Fioranti)

Sinossi

Ci sono cose che è molto difficile per un padre condividere con suo figlio e che un figlio può iniziare a capire solo diventando padre. Tra febbraio e aprile di quest’anno Andrea Segre, che da anni vive a Roma, è rimasto bloccato dal lockdown a Venezia, la città di suo padre e solo in parte anche sua. Lì stava lavorando a due progetti di teatro e cinema sulle grandi ferite della città: il turismo e l’acqua alta. Mentre girava il virus ha congelato e svuotato la città davanti ai suoi occhi, riconsegnandola alla sua natura e alla sua storia, e in qualche modo anche a lui. Ha raccolto appunti visivi e storie e ha trascorso quei giorni nella casa di famiglia, dove ha avuto modo di scavare nei ricordi di ragazzo e di figlio, che lo hanno trascinato più a fondo di quanto pensasse.

Archivi personali in super8 di Ulderico, il padre del regista e vero protagonista del film, si alternano a incontri con cittadini veneziani, che raccontano il rapporto tra la città e le acque e nello stesso tempo vivono l’arrivo inatteso del grande vuoto che ha invaso Venezia e gran parte del mondo. A tenere assieme le immagini sono la voce fuoricampo del regista, le musiche di Teho Teardo e un’atmosfera di attesa e stupore, che pervade tutto il materiale visivo ed esistenziale di questo strano viaggio, irreale (nel senso di fantastico) e irrealizzabile (nel senso di non programmabile, non organizzabile), ma nel cuore di un evento molto reale e storico, che ha segnato e segnerà il mondo per sempre.

Molecole - Andrea Segre e suo padre, marzo 1978
Molecole – Andrea Segre e suo padre, marzo 1978

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui