Trainspotting, al Brancaccino in scena lo spettacolo tratto dal film cult

Trainspotting regia di Sandro Mabellini

Trainspotting, in scena al Teatro Brancaccino dal 5 all’8 aprile per la rassegna di drammaturgia contemporanea 2017/2018. T la storia di quattro ragazzi e una ragazza che utilizzano la droga per combattere la noia, tranne uno di loro che vive un’altra forma di dipendenza.

La società s’inventa una logica assurda e complicata, per liquidare quelli che si comportano in un modo diverso dagli altri. Ma se, supponiamo, e io so benissimo come stanno le cose, so che morirò giovane, sono nel pieno possesso delle mie facoltà eccetera eccetera, e decido di usarla lo stesso, l’eroina? Non me lo lasciano fare. Non mi lasciano perché lo vedono come un segno del loro fallimento, il fatto che tu scelga semplicemente di rifiutare quello che loro hanno da offrirti. Scegli noi. Scegli la vita. Scegli il mutuo da pagare, la lavatrice, la macchina; scegli di startene seduto su un divano a guardare i giochini alla televisione, a distruggerti il cervello e l’anima, a riempirti la pancia di porcherie che ti avvelenano. Scegli di marcire in un ospizio, cacandoti e pisciandoti sotto, cazzo, per la gioia di quegli stronzi egoisti fottuti che hai messo al mondo. Scegli la vita. Beh, io invece scelgo di non sceglierla, la vita. E se quei coglioni non sanno come prenderla, una cosa del genere, beh, cazzo, il problema è loro, non mio. Come dice Harry Lauder io voglio andare dritto per la mia strada, fino in fondo…

La storia di T è la storia di quattro ragazzi e una ragazza. Mark Renton, disoccupato come la maggior parte dei giovani scozzesi della sua generazione, ha trascinato nella confusione e nella dedizione ad ogni tipo di droga i suoi amici d’infanzia. Sick Boy, un appassionato di cinema e sciupafemmine, Begbie, un pericoloso outsider sempre alla ricerca della rissa, Tommy, un seguace del bodybuilding, e Alison, fidanzata di Sick Boy, che cerca di conciliare la sua dipendenza dalla droga con il suo ruolo di madre. Per ingannare la noia, i personaggi rubano, e si distruggono di eroina, tutti tranne Tommy, che vive un’altra forma di dipendenza.

Trainspotting
Trainspotting

Trainspotting è in scena al Teatro Brancaccino dal 5 all’8 aprile, regia di Sandro Mabellini con Michele Di Giacomo, Riccardo Festa, Valentina Cardinali, Marco Bellocchio. Orari spettacolo: dal giovedì al sabato ore 20.00; domenica ore 18.45.

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui