The Forgiven, recensione: Jessica Chastain e Ralph Fiennes tra espiazione e colonialismo

The Forgiven - banner
The Forgiven - banner

La recensione di The Forgiven, film diretto da John Michael McDonagh con Jessica Chastain e Ralph Fiennes: un thriller interessante che si perde nel suo tentativo di duplicare la narrazione

Scontro tra Oriente e Occidente

Guidando a grande velocità attraverso il deserto marocchino per partecipare alla sontuosa festa del loro vecchio amico Richard (Matt Smith), i ricchi londinesi David (Ralph Fiennes) e Jo Henninger (Jessica Chastain) restano coinvolti in un tragico incidente che porta alla morte di un adolescente del posto. Una volta arrivati in grande ritardo alla villa dove la festa è al suo culmine, la coppia cerca di nascondere l’incidente con la connivenza della polizia locale. Ma quando arriva il padre del ragazzo per cercare giustizia, la scena è pronta per uno scontro tra culture pieno di tensione in cui David e Jo devono scendere a patti con quello che hanno commesso e le sue devastanti conseguenze.

The Forgiven - Ralph Fiennes e Jessica Chastain (foto Nick Wall)
The Forgiven – Ralph Fiennes e Jessica Chastain (foto Nick Wall)

J’accuse al colonialismo

The Forgiven cerca di lanciare un J’accuse al colonialismo ma si perde tra una versione più casta di Eyes Wide Shut, una più moderna de La dolce vita e un percorso di espiazione on the road nel deserto. Quest’ultimo è il più riuscito, mentre gli altri due filoni rischiano di portare fuori binario la narrazione. A farne le spese è soprattutto Jessica Chastain: il suo personaggio si impantana in scene che fanno fatica ad amalgamarsi col contesto, anche perché la maggior parte dei personaggi è mono-dimensionale e non offre gli approfondimenti cui sarebbe stato interessante assistere. I personaggi incuriosiscono ma non affascinano: una scelta probabilmente voluta, ma che alla lunga non premia.

The Forgiven - Jessica Chastain
The Forgiven – Jessica Chastain

Eccellenze del cast

Va molto meglio a Ralph Fiennes, che compie un vero processo di espiazione nei confronti dei privilegi posseduti solo grazie al colore della pelle. La sua evoluzione è graduale, sofferta, sentita e proprio per questo interessante. D’altronde l’attore, insieme a Jessica Chastain, è la colonna portante di The Forgiven. Fascino conturbante e una severa compostezza che si sgretola sono le sfumature che i due attori riescono ad aggiungere alla storia. Le loro interpretazioni si dimostrano ancora una volta di livello ed è proprio su questa certezza che si poggia l’intera pellicola. Bene anche Matt Smith, che dà risalto ad un personaggio ironico e a tratti ambiguo.

The Forgiven - Ralph Fiennes e Matt Smith
The Forgiven – Ralph Fiennes e Matt Smith

Finale ad effetto

Il deserto marocchino offre degli scenari esotici ed interessanti, capaci di alzare l’asticella sotto il punto di vista estetico. Il livello di molti dialoghi, invece, resta troppo banale per poter spingere – come probabilmente avrebbe voluto – ad una riflessione più profonda. Il finale ad effetto prova ad azzerare gli errori disseminati qua e là nella sceneggiatura ma a quel punto è certamente troppo tardi per una netta inversione di marcia. The Forgiven resta quindi un thriller dalle grandi potenzialità, interessante soprattutto nella prima parte, frenato tuttavia da alcune lacune che caratterizzano personaggi, dialoghi e situazioni.

The Forgiven, tratto dall’omonimo romanzo di Lawrence Osborne, arriva nelle sale italiane il 14 luglio distribuito da Universal Pictures. Diretto da John Michael McDonagh, il cast è formato da Ralph Fiennes, Jessica Chastain, Caleb Landry Jones, Matt Smith, Abbey Lee, Christopher Abbott, Marie-Josée Croze, Alex Jennings, Saïd Taghmaoui e Mourad Zaoui.

VOTO:
2 stelle e mezza

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui