Submergence, recensione: melodramma delicato per un amore impossibile

Submergence recensione film

Submergence è un melodramma delicato, raffinato, scandito da ritmi lenti e carico di temi moderni quali sostenibilità e Jihad: con la regia di Wim Wenders, Alicia Vikander e James McAvoy sono i protagonisti di un amore impossibile.

Un amore impossibile

La dottoressa Danielle Flinders (interpretata da Alicia Vikander) è una biomatematica che studia l’oscurità degli abissi. James More (James McAvoy) lavora invece per i servizi segreti britannici. i due non potrebbero essere più diversi, eppure appena si incontrano casualmente in uno sperduto hotel in Normandia scatta la scintilla. Non si tratta di mera attrazione: entrambi capiscono di avere di fronte l’anima gemella, l’amore della propria vita. Ecco perché separarsi è così dura, nonostante ad attenderli ci siano due missioni importantissime. Danielle deve immergersi sul fondo dell’oceano per trovare conferme alla sua teoria sull’origine della vita sulla Terra. James nel frattempo deve recarsi in Somalia per rintracciare una base di attentatori suicidi che stanno seminando morte in Europa. Il loro amore diventa impossibile sin dal principio: James viene preso in ostaggio dai combattenti jihadisti e Danielle dovrà proseguire col suo ambizioso progetto senza sapere se potrà davvero rivedere il suo innamorato.

Submergence: James McAvoy e Reda Kateb in una scena del film
James McAvoy e Reda Kateb in una scena del film

Protagonisti magnetici

Alicia Vikander e James McAvoy si confermano due interpreti poliedrici e magnetici. I loro personaggi possiedono caratteristiche diverse che entrambi riescono a far emergere nitidamente. La Vikander riesce a mostrare determinazione e fragilità crescenti man mano che il suo personaggio affronta le varie fasi della sua missione e del suo amore. McAvoy, dal canto suo, rende giustizia ad un turbamento interiore che giustifica gli anni passati al servizio dell’esercito e dei servizi segreti. L’incontro tra queste due personalità genera un sentimento per nulla banale che lo spettatore spererebbe di rivedere, seppur con la consapevolezza che il fato sia avverso. Accanto a loro spicca anche l’attore francese Reda Kateb (visto di recente in Wolf Call – Minaccia in alto mare), gelido ed impassibile nel ruolo del combattente jihadista: il confronto tra lui e McAvoy è puntualmente intenso e capace di generare riflessioni più che mai attuali.

Un film moderno

La pellicola è tratta dall’omonimo romanzo di J. M. Ledgard e in effetti la sua poetica tradisce inequivocabilmente un’origine letteraria. Submergence letteralmente significa “immersione”, una parola che in fondo accumuna i due innamorati: Danielle deve immergersi nell’oceano, James deve fare lo stesso nel mondo dei jihadisti. Anche lo scopo delle loro missioni può essere accumunato: la giovane desidera indagare un universo sommerso che regalerebbe nuove speranze di prosperità e rinascita alla Terra, il ragazzo invece vuole affrontare un grande nemico che minaccia indistintamente tutti i cittadini del mondo. L’esperta regia di Wim Wenders attinge alle sue esperienze passate ed è ricca di primi piani intensi (soprattutto dell’incantevole Vikander), delicate riflessioni che permettono ai due ragazzi di esplorare ciascuno il mondo dell’altra, flashback puntuali che rendono l’idea di un amore che ormai ha lasciato un segno indissolubile.

Submergence: Alicia Vikander in un primo piano intenso di Wim Wenders
Alicia Vikander protagonista di un primo piano intenso di Wim Wenders

Melodramma delicato con un ottimo cast

Il risultato raggiunto da Wenders e dal suo cast d’eccezione è un melodramma delicato, raffinato, scandito da ritmi lenti e da varie ‘stagioni’. C’è la stagione dell’ambizione, nella quale i due protagonisti si mostrano fieri e pieni di obiettivi professionali da raggiungere. C’è la stagione dell’amore, nella quale lo spettatore assiste alla nascita di un sentimento che scaturisce sguardo dopo sguardo, tra attrazione fisica e feeling mentale. C’è poi la stagione più dura, caratterizzata da missioni rischiose che separano Danielle e James sia nel tempo che nello spazio. Di fondo resta una promessa, fatta dalla ragazza: andarlo a trovare nella sua casa di Nairobi e fare il bagno insieme nella piscina. Un desiderio semplice, con ostacoli che fanno parte della nostra era e che rendono Submergence un film moderno, ricco di tensione e di silenzi carichi di significato.

Submergence arriva nelle sale il 22 agosto 2019 distribuito da Movies Inspired.

VOTO:

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui