Scusate se parliamo d’amore in scena all’Off/Off Theatre con Massimo Poggio

Scusate se parliamo d'amore - cast

Arthea associazione culturale presenta Scusate se parliamo d’amore (il teatro nelle storie di Raymond Carver), in scena presso l’Off/Off Theatre dal 15 al 20 gennaio. Ma di che cosa parliamo, poi, quando parliamo d’amore? Due coppie d’amici, complice una bottiglia di gin, cercheranno di capirlo.

Da martedì 15 a domenica 20 gennaio 2019, all’Off/Off Theatre va in scena Scusate se parliamo d’amore (Il teatro nelle storie di Raymond Carver), con Massimo PoggioBarbara Rizzo, Andrea Mitri e Letizia Sacco, per la regia di Alberto Di Matteo. Due coppie di amici, al tavolo di cucina, con quattro bicchieri, una bottiglia di gin e una di soda; è giorno di festa, bevono e chiacchierano e non si sa come e perché cominciano a parlare d’amore. Ma, per parafrasare il titolo di un famoso racconto di Carver, di cosa parliamo esattamente e veramente quando parliamo d’amore?

Questa, in sintesi, la situazione di partenza dello spettacolo, che fa del famoso racconto il via e il contenitore di altre storie tratte dai testi dello scrittore americano. A pensarci bene, i personaggi di Carver vivono costantemente tale condizione: agiscono, parlano, raccontano a proposito di cose importanti, oppure di cose normali, semplici, quotidiane, perfino banali, ma sembrano sempre alludere, più o meno coscientemente, a ben altro, a qualcosa di più grande, misterioso, assoluto. E non manca mai un sottile senso di inquietudine, una vena strisciante di tensione, come se da un momento all’altro stesse per succedere l’irreparabile.

Scusate se parliamo d'amore - Barbara Rizzo e Massimo Poggio

Così nella nota stampa: «Ecco allora che si spiega il senso della nostra scommessa: cercare, attraverso il nostro lavoro, il teatro nelle storie di Raymond Carver; una teatralità tutta contemporanea, quasi beckettiana, che ha dei tratti inquietanti, ma che contiene anche un imprevedibile e anomalo umorismo. I racconti di Carver si situano in quell’orizzonte che è anche il nostro, quello di esseri umani del XXI secolo, quello della quotidianità, della vita di tutti i giorni, fatta dalle ‘solite cose’. In quello stesso orizzonte lo scrittore americano ha saputo lasciare tracce di poesia, di mistero, di trascendenza. Solo che Carver, come scrittore, è reticente, non dice tutto, dissemina le sue storie di vuoti, di buchi, di cose non spiegate e inspiegabili… Sta a noi allora, spettatori e interpreti, sta al teatro, in definitiva, il compito di rinvenire il brivido della poesia e delle emozioni in quelle storie di tutti i giorni».

Scusate se parliamo d’amore (il teatro nelle storie di Raymond Carver) è in scena dal 15 al 20 gennaio presso l’Off/Off Theatre. Con Barbara Rizzo, Andrea Mitri e Letizia Sacco e con la partecipazione di Massimo Poggio. Drammaturgia e regia Alberto Di Matteo. Per ulteriori informazioni vi rimandiamo al sito ufficiale del teatro.

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here