Sanremo Giovani 2020, tra poco l’ultima semifinale, i voti dei 10 brani

Sanremo Giovani 2020 2

Tra poco durante la trasmissione Italia Sì su Rai 1 si terrà l’ultima semifinale di Sanremo Giovani 2020 che decreterà 5 dei 10 finalisti che si contenderanno un posto all’Ariston per febbraio. Ecco i voti dei brani in gara

Tra poco durante la trasmissione Italia Sì su Rai 1 si terrà l’ultima semifinale di Sanremo Giovani 2020 che decreterà 5 dei 10 finalisti che si contenderanno un posto all’Ariston per febbraio. Ecco i voti dei brani in gara.

Avincola: Un rider  

Brano dalle sonorità anni ’80 che strizza l’orecchio all’indie, in particolar modo a Calcutta ma senza l’urlato nel ritornello. Canzone leggera, d’amore che rimane in testa ma non ha un testo rilevante. La personalità dell’artista c’è.  6+

Devil A: Disordine

Un mix tra rap e melodia, che unisce il moderno con la tradizione della scuola del rap/hip-hop degli anni ‘90. Testo interessante e brano che scorre senza annoiare. Questo connubio potrebbe essere apprezzato.  7

Eugenio in via di gioia; Tsunami

La band torinese prova la carta Sanremo dopo qualche anno di gavetta, concerti e un costante aumento di pubblico e lo fa con un brano ballabile ma scanzonato solo in apparenza, denunciando la mancata preoccupazione nei confronti del rischio ambientale dovuto ai cambiamenti climatici. Ritornello orecchiabile e molto radiofonico. Da podio. 8

Giulia Mutti: Romanzo cattivo

La cantautrice toscana ci riprova dopo lo scorso anno e lo fa con una canzone che colpisce a un primo ascolto sotto tutti i punti di vista. La linea di demarcazione tra peccatori e santi in una coppia e in una società sempre più libertina è motivo di analisi nel testo con un ritmo rockeggiante e una voce notevole. Merita l’Ariston 8,5

Jefeo: Un due tre stella

Quota trap dei dieci semifinalisti di oggi. Autotune per tutta la durata della canzone, monotona ma con un ritornello che continuo a cantare dopo giorni e il che un po’ mi preoccupa. Potrebbe essere apprezzato l’elemento novità e appunto questo ritornello al limite tra il fastidioso e il geniale.  6 con molte incertezze di giudizio

Libero: La casa del vento

Elettronica mischiata ad archi e batterie ad accompagnare un testo ben scritto ed interpretato. Il più vicino allo stile di Ultimo tra le canzoni proposte. Non stupirebbe il suo passaggio in finale. 7

Mike Baker: Stupido:

Pezzo acustico, quasi sussurrato. Un racconto di quanto ci si possa sentire stupidi quando si è innamorati ma con la consapevolezza che questo implica anche un momento di felicità. Manca una scintilla, forse un pò troppo monotono. 6

Nico Arezzo: Volo

Grande voce, parte piano ma poi alza improvvisamente il tono e impressiona con le sue doti canore. Quanto al pezzo le sonorità sono r’n’b con alcune variazioni di velocità ma il testo non risulta entusiasmante. 6

Reclame: Il viaggio di ritorno

I ltesto più socialmente impegnato dei dieci. Un ritmo cadenzato che ricorda i Modena City Ramblers con un ritornello rockeggiante e convincente. Si parla della difficoltà dei giovani di schierarsi politicamente, di una società che ci vuole succubi e senza la possibilità di farsi una propria opinione. Coraggiosi e quindi da premiare. 7,5

Shari: Stella

La più giovane. 17 anni e già una collaborazione con Benji e Fede. Un brano adatto alla sua età che racconta di un amore adolescenziale. Voce particolarissima e originale. 6,5

 

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui