Sanremo 2023, conferenza Ultimo: «Ho rispetto per questo palco»

Ultimo 2_ph credit Giulia Parmigiani
Ultimo - ph credit Giulia Parmigiani

Ecco cosa ha raccontato Ultimo nella conferenza stampa a poche ore dal suo ritorno al Festival di Sanremo con il brano Alba

Ultimo torna al Festival di Sanremo con L’alba e nella conferenza stampa a poche ore dalla sua prima esibizione ci spiega come mai ha scelto di presentarsi con questo brano e come mai non suonerà il piano: «Ritengo che il testo sia molto potente, volevo esibirmi con l’asta e non al piano per consentire una maggiore mimica interpretativa, potrei però cambiare idea nel corso di queste sere. Ho voluto mettere il battito del cuore nella seconda strofa che ritengo un passaggio fondamentale a livello emotivo nel pezzo, la vedo come diversa rispetto ad altre mie produzioni, ha una struttura tutta sua. Ci sono canzoni che hanno una predisposizione a crescere con un’orchestra ad accompagnarli rispetto alla versione in studio, con gli archi che salgono cercherò di emozionarvi».

Racconta poi un aneddoto legato ad Antonello Venditti: «Gli ho fatto ascoltare il pezzo dicendoli che stavo pensando di portarlo al Festival, ha apprezzato ma abbiamo parlato solo in astratto di un ipotesi di una sua partecipazione nella serata delle cover, abbiamo duettato in tante occasioni, spero ci saranno altre, per me è un padre».

Nella serata delle cover si esibirà insieme ad Eros Ramazzotti: «Collego le canzoni di Eros a momenti di infanzia. Canteremo tre brani tra cui Un’emozione per sempre, mi fa respirare, è una delle mie canzoni preferite in assoluto. Tra di noi ci lega una sincera amicizia».

Come affronta questa nuova partecipazione al Festival dopo le polemiche del secondp posto nel 2019: «Quando faccio un tour sono consapevole che il pubblico è lì per me, ha comprato un biglietto per assistere a un mio concerto, qua sento maggiore pressione perché non sono concessi errori. Torno qua perché ho un profondo rispetto nei confronti di quel palco, sono partito da lì e L’Alba si merita un’esposizione così ampia. Lancio il messaggio di cercare di superarsi in ogni circostanza della vita e di riuscire a guardarsi dentro. Metterei la firma per rivivere quattro anni come quelli che sono successi dopo il mio secondo posto, sto cercando di essere più sereno. Il primo passo è analizzare non i numeri ma ciò che ti piace fare, quelli sono un’eventuale conseguenza».

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci qui il tuo nome