RomaFF15, day 6: Damien Chazelle, il film di Vinterberg, il corto di Gabriele Muccino con Raoul Bova

RomaFF15 day 6 programma
RomaFF15 day 6 programma

Oggi day 6 della Festa del Cinema di Roma con il regista Damien Chazelle, i film Un altro giro di Thomas Vinterberg, Ammonite, Home, 9 jours à Raqqa, il corto + incontro con Gabriele Muccino con Raoul Bova e Rocío

Il regista Premio Oscar Damien Chazelle sarà protagonista di un Incontro Ravvicinato on-air che si svolgerà oggi, martedì 20 ottobre, alle ore 17 presso la Sala Petrassi dell’Auditorium Parco della Musica. Regista, sceneggiatore e produttore cinematografico, Chazelle ripercorrerà con il pubblico la sua breve ma già ricchissima carriera. Nel 2009 dirige il suo primo lungometraggio, Guy and Madeline on a Park Bench, mentre nel 2013 realizza il cortometraggio Whiplash, che l’anno successivo diventa il suo secondo film, un’opera magnetica che vince tre Oscar. Il 2017 è il suo anno d’oro. Con La La Land, vero e proprio tributo alla magia del cinema, fa incetta di candidature agli Oscar. Ne riceve quattordici, eguagliando il primato di Eva contro Eva e Titanic, e ne vince sei, tra cui quello per la miglior regia, divenendo il più giovane cineasta a cui sia stato assegnato l’Academy Award per la miglior regia. L’anno successivo, il regista apre la Mostra di Venezia con First Man – Il primo uomo, e anche questa volta fa centro. La pellicola riceve infatti numerosi premi, tra cui l’Oscar per i migliori effetti speciali.

Alle ore 18.30 presso la Sala Sinopoli si terrà l’anteprima di Un altro giro (Druk / Another Round) che sarà presentata al pubblico dal regista Thomas Vinterberg. Il film prende il via da una teoria secondo la quale nasciamo con una piccola quantità di alcol nel sangue e una moderata ubriachezza spalancherebbe le nostre menti al mondo che ci circonda, riducendo i nostri problemi e aumentando la creatività. Incoraggiati da questa teoria, Martin (Mads Mikkelsen) e tre suoi amici, tutti demotivati insegnanti delle scuole superiori, intraprendono un esperimento mirato a mantenere un livello costante di alcol nel sangue per tutta la giornata lavorativa. Inizialmente i risultati sono positivi e il piccolo progetto si trasforma in un vero studio accademico. Ma l’esperimento causerà conseguenze inattese. Spiega Thomas Vinterberg: “Un altro giro è pensato come un film radicato nel mondo reale, in una intimità totalmente nuda, sincera e a volte improvvisata, similmente a Krigen di Tobias Lindholm, Festen – Festa in famiglia, del sottoscritto, e Mariti di Cassavetes. La realtà si dispiega davanti alla macchina da presa, che osserva gli eventi senza determinarli. Il film adotta un approccio umoristico e per certi versi scandaloso a un tema molto serio. Volevo che Un altro giro fosse una storia con molte sfaccettature, e che allo stesso tempo provocasse, divertisse, spingesse a pensare, a piangere e a ridere”.

Il programma della Selezione Ufficiale ospiterà altri tre film. Alle ore 22 presso la Sala Sinopoli avrà luogo la proiezione di Ammonite di Francis Lee. Nel 1840, la paleontologa Mary Anning (Kate Winslet) lavora in solitudine a Lyme Regis, sull’aspra costa meridionale dell’Inghilterra. I giorni delle sue acclamate scoperte sono lontani, e ora la donna, per mantenere se stessa e la madre malata, vende fossili comuni a ricchi turisti, uno dei quali, Roderick Murchison, affida alle cure di Mary sua moglie, la giovane Charlotte (Saoirse Ronan), che si sta riprendendo da una tragedia personale. Mary non può permettersi un rifiuto, ma entra in attrito con l’indesiderata ospite. Eppure, nonostante le profonde differenze che le dividono, Mary e Charlotte scoprono di potersi offrire l’un l’altra ciò che entrambe stanno cercando: la consapevolezza di non essere sole. È l’inizio di una storia d’amore che cambierà le loro vite.

Al MAXXI alle ore 21.30 si terrà 9 jours à Raqqa di Xavier de Lauzanne. La protagonista è Leila Mustafa, una donna curda siriana che combatte per Raqqa, l’ex capitale dello Stato Islamico, devastata dalla guerra. Ingegnere di formazione, sindaco a soli trent’anni, si destreggia in un mondo di uomini e la sua missione è di ricostruire la sua città, consentire la riconciliazione e creare una democrazia. Non esattamente una missione ordinaria. Una scrittrice, Marine de Tilly attraversa il confine tra Iraq e Siria per incontrarla. In una città ancora pericolosa, ha nove giorni per scoprire e approfondire la storia di Leila.

Alle ore 21.30 al My Cityplex Europa sarà la volta di Home di Franka Potente. “Conosco bene le piccole città e la mentalità provinciale. Dopotutto sono cresciuta in quel tipo di mondo, e una parte della mia famiglia vive ancora in un piccolo villaggio nei pressi di Münster, in Germania – ha detto la regista – Con Home volevo raccontare la storia di chi decide, di fronte alle avversità, di tornare a casa e di restare. E lo fa nonostante il grave errore che ha commesso, nonostante abbia violato le regole della comunità nel peggiore dei modi, uccidendo qualcuno”.

In occasione della presentazione del cortometraggio Calabria, terra mia di Gabriele Muccino, il Teatro Studio Gianni Borgna ospiterà alle ore 18 un incontro con il pubblico durante il quale interverranno il produttore Alessandro Passadore, il regista Gabriele Muccino e il cast composto da Raoul Bova e Rocío Muñoz Morales.

Alle ore 18 presso la Casa del Cinema sarà presentato Siamo in un film di Alberto Sordi? di Steve Della Casa e Caterina Taricano. Alberto Sordi è una miniera senza fine: non solo per il cinefilo, non solo per l’appassionato o lo studioso di storia e di costume. Analizzando attentamente i film di Alberto Sordi si scopre ogni volta un aspetto che può essere approfondito, una curiosità che apre altre porte. Con questo spirito abbiamo affrontato il lavoro, sapendo che a nostra disposizione c’erano il ricco archivio di Movie Time e di Minerva e l’amicizia di importanti protagonisti dello spettacolo, ciascuno dei quali ci ha raccontato il suo Alberto Sordi. Il film è presentato in occasione dell’inaugurazione della mostra “Alberto Sordi. L’umanità fragile. Immagini dall’Archivio della Fondazione 3M” organizzata presso la Casa del Cinema nel centenario della nascita del celebre interprete romano. Sempre alla Casa del Cinema, nel programma della retrospettiva dedicata a Satyajit Ray, si terrà The Coward alle ore 21.

Dopo il successo dello scorso anno, alla quindicesima edizione della Festa tornano gli appuntamenti di Fedeltà/Tradimenti durante i quali alcune delle più interessanti personalità della cultura commentano la trasposizione cinematografica di celebri opere letterarie. Al MACRO alle ore 19 la sceneggiatrice Isabella Aguilar parlerà degli adattamenti sul grande schermo de “La finestra sul cortile”, racconto giallo scritto nel 1942 da Cornell Woolrich, fra i quali quello celeberrimo di Alfred Hitchcock e il successivo firmato da Christopher Reeve. Per il quarto anno consecutivo la Festa del Cinema di Roma rinnova la collaborazione con Medicinema Italia onlus e la Fondazione Policlinico Universitario Agostino Gemelli IRCCS. Per l’edizione 2020, nel rispetto dei protocolli sanitari previsti per fronteggiare l’emergenza da Covid-19, i film per i pazienti ricoverati saranno in streaming, arrivando nei monitor televisivi presenti in tutte le stanze dei pazienti.

Si comincia oggi, martedì 20 ottobre, alle ore 16 con Earthling: Terrestre di Gianluca Cerasola, primo documentario cinematografico-spaziale che racconta, in esclusiva mondiale, la vita, lo spazio, l’arte e i record dell’astronauta Luca Parmitano, l’unico italiano ad aver mai passeggiato nello spazio. Un racconto scandito dalla voce di Maria Grazia Cucinotta e dalla presenza scenica di Giancarlo Giannini, insieme a Jovanotti, all’artista Jago e, naturalmente, all’astronauta dei record. La proiezione del film per i pazienti del Gemelli sarà introdotta da una clip di saluti del Presidente della Fondazione Cinema per Roma Laura Delli Colli.

Come ogni anno la Festa del Cinema ospita il Rebibbia Festival con proiezioni riservate alla popolazione reclusa, fra l’Auditorium del Carcere e la nuova Sala Cinema “Enrico Maria Salerno”, recentemente inaugurata. Il programma prevede tre proiezioni selezionate dal programma ufficiale della quindicesima edizione della Festa. Oggi si terrà la proiezione de Il cielo stellato sopra il ghetto di Roma di Giulio Base. In questo intreccio tra passato e presente il ritrovamento di una misteriosa fotografia ingiallita che ritrae una bambina porterà degli studenti cristiani ed ebrei alla ricerca della verità. I ragazzi affronteranno un viaggio attraverso la memoria di un passato doloroso e difficile da dimenticare, come quello del rastrellamento del quartiere ebraico di Roma.

Nel programma della Festa del Cinema 2020, quattro librerie indipendenti di Roma coinvolgeranno alcuni dei loro lettori nella visione di film proposti dalla Festa del Cinema di Roma. Alle ore 19.30 presso Tomo Libreria Caffè il regista Marcello Di Noto presenterà la proiezione de L’amore non si sa, mentre alle ore 20 la Libreria Altroquando ospiterà Ammore e Malavita dei Manetti Bros., commedia musical vincitrice del David di Donatello come miglior film 2018. Continua anche nella quindicesima edizione la collaborazione tra la Festa del Cinema e il Teatro Palladium. Oggi alle ore 20, il pubblico potrà assistere a Ostia criminale – La mafia a Roma di Stefano Pistolini, storia sulla mafia che risale la penisola fino a Ostia, il mare di Roma, dove mette le radici, servendosi di potenti famiglie criminali e dei collaudati meccanismi di usura, spaccio e sottomissione della città “normale”.

Nel programma dei “Film della nostra vita” si terrà The Host di Bong Joon Ho (MAXXI ore 18.30), scelto dalla selezionatrice Giovanna Fulvi che spiega: “The Host non è il tipico film hollywoodiano che sorprende solo per la meraviglia degli effetti speciali. Nonostante la creatura sia frutto del sapiente lavoro e della collaborazione di tre società di eccellenza nel campo degli effetti speciali, i creatori del Signore degli Anelli, di Babe e Hellboy, il baricentro del film si sposta qui dall’orrore superficiale della mostruosità all’umanità di una famiglia in crisi, il tutto condito da una sottile critica alla persistente presenza americana in Corea del Sud”.

Le repliche in programma al My Cityplex Savoy prevedono: Ostia criminale – La mafia a Roma di Stefano Pistolini (ore 16), Fortuna di Nicolangelo Gelormini (ore 18.30) e Another Round di Thomas Vinterberg (ore 21.30) in Sala 1, True Mothers di Naomi Kawase (ore 17.30) in Sala 2. Al MAXXI, avrà luogo la replica di Era la più bella di tutti noi di Roberto Savoca e Leonardo Celi (ore 16). Al My Cityplex Europa si terrà la proiezione in replica di I Carry You With Me di Heidi Ewing (ore 15.30) e di Fortuna di Nicolangelo Gelormini (ore 19).

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui