RomaFF14, The Dazzled recensione: storia forte narrata con sensibilità

The Dazzled recensione

The Dazzled racconta la storia di una ragazzina di 14 anni che, insieme ai fratelli e ai genitori, vive in una comunità religiosa che ha assunto i contorni della setta: scelto come vincitore ad Alice nella città 2019, la pellicola si dimostra sensibile ma determinata.

The Dazzled, ovvero “gli abbagliati”

Camille (Celeste Brunnquell) è la primogenita di quattro figli. I suoi genitori (Camille Cottin ed Éric Caravaca), presi dallo sconforto a causa di una situazione economica precaria, decidono di andare a vivere nella cattolicissima Comunità della Colomba. Questa offrirà loro una stabilità lavorativa e, di conseguenza, una profonda serenità. Se la madre e il padre di Camille saranno sempre più coinvolti dalla comunità, lo stesso non accadrà per lei. Ma la ragazzina non sarà la sola a pagare il prezzo di questo apparente idillio: quando si accorgerà del malessere dei suoi fratelli, allora Camille deciderà di prendere i più drastici dei provvedimenti.

Una vita in trappola

La protagonista di The Dazzled è una ragazzina di soli 14 anni che si lascia inevitabilmente trascinare dalle decisioni dei genitori. Sono loro a costringerla ad abbandonare i suoi sogni, a partire dalla scuola di circo che tanto la stava aiutando ad aprirsi al mondo. La vita nella Comunità della Colomba è scandita da regole precise e disubbidire significa finire in soffitta oppure essere costretta ad umiliarsi davanti a tutti. La pellicola riesce ad immortalare in modo emozionante un certo processo di maturazione: Camille saprà capire cosa vuole davvero e cosa gli impedisce di raggiungerlo, costi quello che costi. È proprio lei una delle più grandi ricchezze del film. Camille possiede la forza sufficiente per inseguire i suoi sogni e a prescindere da tutto e saprà trasmettere quella stessa forza a tutti ragazzi che assisteranno alla sua storia.

The Dazzled: I genitori di Camille (Camille Cottin ed Éric Caravaca) in un momento di preghiera
I genitori di Camille (Camille Cottin ed Éric Caravaca) in un momento di preghiera

Affondo ad un certo tipo di Chiesa

La Chiesa e il mondo delle comunità religiose non escono benissimo dalla pellicola. Ovviamente tutti gli eccessi, a qualsiasi religione appartengano, sono tendenzialmente da allontanare. Questo è il caso della Comunità della Colomba, più simile ad una setta che non ad una centro pronto ad accogliere sulla base dei valori cattolici. Se gli uomini della Chiesa appaiono corrotti e senza morale, i fedeli danno l’impressione di essere totalmente assoggettati. Alcuni adepti belano in attesa del parroco (loro ‘pastore’), altri si chiedono pubblicamente perdono per motivi a dir poco futili. Persino l’essere genitori viene messo al secondo posto, dando prova immediata che l’ambiente descritto è marcio nella sua struttura. Ciò che ne esce è uno sguardo carico di amarezza, visto che è la fede ad essere sfruttata come mezzo di oppressione anziché come accoglienza e via di salvezza.

Una regia sensibile

Sarah Suco, regista di The Dazzled (al suo esordio dietro la macchina da presa), riesce a delineare personaggi e dinamiche familiari con contorni delicati ma nitidi. Appare estremamente chiaro quali siano le influenze ricevute da Camille: qual è il ruolo dei genitori, quello dei fratelli, quello del suo primo amore (interpretato da Spencer Bogaert), quello della comunità e persino quello di un Dio in cui lei non riesce a credere fino in fondo. Tutto ha un peso e, alla resa dei conti, saprà far pendere l’ago della bilancia da una parte o dall’altra. Da apprezzare la sensibilità con la quale la Suco ha pensato a tutto (in collaborazione con il co-sceneggiatore Nicholas Silhol), mettendo al posto giusto i vari elementi del film e creando una giovanissima eroina pronta a spiccare il volo. Non a caso la storia è parzialmente autobiografica: la regista, proprio come la sua protagonista, ha vissuto in una comunità cattolica fondamentalista. Ed è evidente che sa di cosa sta parlando.

The Dazzled: Camille (Celeste Brunnquell) insieme ai suoi fratelli
Camille (Celeste Brunnquell) insieme ai suoi fratelli

The Dazzled (titolo originale: Les Eblouis) ha vinto il premio della giuria ad Alice nella città 2019, sezione autonoma ed indipendente della 14ª Festa del cinema di Roma. La motivazione: “per la capacità di raccontare una storia cruda e coinvolgente, attenta ai dettagli di una realtà tragica, cogliendo al tempo stesso in modo intelligente le sfumature comiche di una vita imprigionata. Un film travolgente che emoziona e fa riflettere su un contesto lasciato spesso in ombra, qui descritto dalla luce accecante di una lotta interiore verso la salvezza”.

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui