RomaFF13, Boy Erased, recensione del film con Lucas Hedges e Russel Crowe

Boy-Erased-banner

Il film Boy Erased, di Joel Edgerton, ispirato a una storia vera e presentato alla Festa del Cinema di Roma, analizza la crescita e l’evoluzione interiore di un adolescente attraverso la repressione di se stesso e della sua identità.

L’inizio di un dramma

Boy Erased, di Joel Edgerton, presentato alla Festa del Cinema di Roma, racconta la storia di Jared (Lucas Hedges), figlio di un pastore battista (Russel Crowe). Jared a diciannove anni rivela ai genitori di essere omosessuale. Al ragazzo viene quindi richiesta una scelta: sottoporsi a una terapia di rieducazione e conversione, esprimendo la volontà di cambiare, o venire esiliato ed emarginato dalla sua famiglia, dai suoi amici e dover rinunciare alla sua fede. Costretto a mettere in discussione ogni aspetto della propria identità, Jared accetta di cominciare la terapia.

Un quadro perfetto

Boy Erased è il ritratto di una famiglia con i suoi problemi di incomunicabilità, di una comunità che ancora crede che l’omosessualità sia una malattia da cui bisogna essere curati, di giovani convinti di avere dei problemi e di quelli che preferiscono fingere per essere lasciati in pace. Con pochi elementi: uno sguardo, un’azione, una parola o anche solo un sospiro Joel Edgerton rappresenta la personalità di tutti coloro che compongono la storia e che contribuiscono alla sua trasformazione e crescita, perché a volte basta davvero anche solo un espressione a trasmettere i sentimenti.

Boy-Erased-Hedges
Lucas Hedges in una scena del film di Boy Erased di Joel Edgerton

L’evoluzione dell’inesperienza

Il passaggio dall’adolescenza all’età adulta, accettarsi e riconoscere sé stessi sono processi che possono avvenire nel corso di mesi o di anni, a volte naturali, altre sofferenti, ma sempre complessi: sono momenti in cui ci si sente soli e incompresi. Per quanto Jared sembri avere una vita apparentemente normale e tranquilla prima del college, sa di essere attratto dagli uomini e sa che questo devasterebbe i suoi genitori, ma non è ancora pronto ad avere delle esperienze e, forse, ad accettare se stesso. Non è facile per lui cercare di guarire da qualcosa che, non solo non ha niente a che fare con la salute, ma non ha mai vissuto a pieno.

Direzioni di cambiamento

Boy Erased, per certi versi ha molti elementi in comune con il film The Miseducation of Cameron Post di Desiree Akhavan, come la comunità religiosa che crede che l’omosessualità dipenda da problemi familiari come alcolismo, malattie mentali e uso di droghe, o l’impegno dei protagonisti a trovare il buono nella conversione, come le famiglie. Il protagonista di Boy Erased sembra però più convinto a voler cambiare, crede che forse alcuni elementi del suo passato lo hanno condizionato e che dovrebbe parlarne. Nel suo processo di crescita capisce, però, che le persone a cui vorrebbe dire queste cose sono più vicine a lui di quanto immaginino e forse sono loro a non essere pronte al confronto.

Boy-Erased-Kidman-Crow
Nicole Kidman e Russel Crowe in una scena del film Boy Erased di Joel Edgerton

Reprimere per conoscersi

Il cambiamento di Jared avviene anche attraverso la profonda conoscenza di questa comunità, rigida e ferrea, dove il contatto umano è vietato, vengono privati gli oggetti ed elementi personali e la propria identità viene cancellata. È un processo a fasi che può durare anche molti anni, la tortura psicologica è forte e a volte si ricorre anche a quella fisica, umiliante e violenta. Con pochi essenziali elementi il regista rappresenta un mondo, ricco di sfumature, in cui anche i personaggi più negativi mostrano il loro lato umano.

Una fredda riflessione

L’ottima regia, la fotografia dai colori freddi, con una forte prevalenza del grigio trasmette quel senso di estraneità, vuoto e apatia della comunità religiosa; la magistrale interpretazione di tutti i personaggi aumenta la verosimiglianza e profondità della storia, in cui tutti, nessuno escluso diventano parte integrante del film e del percorso del personaggio protagonista. Boy Erased è una drammatica riflessione su un mondo che, ancora oggi, fa fatica ad accettare gli altri.

Boy Erased, diretto da Joel Edgerton, con Lucas Edges, Nicole Kidman, Russel Crowe, Joel Edgerton, Xavier Dolan, Troye Sivan, è distribuito da Universal Pictures.

Voto

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here