Rockstar: recensione dell’ultima impresa del Trap King Sfera Ebbasta

Sfera Ebbasta - Rockstar

Rockstar è l’ultimo album del rapper Sfera Ebbasta e, a suo dire, la narrazione del suo upgrade sociale fatto di donne, marijuana e Uber.

Da King del Trap a Rockstar?

Con sole undici tracce, il rapper italiano Sfera Ebbasta è stato in grado di dissacrare completamente il termine rockstar; questa è stata la prima impressione che abbiamo avuto durante l’ascolto dell’album. Almeno è quello che avremmo pensato se a scriverlo fosse stato qualcuno di diverso dal King del Trap. Il genere infatti, dalla sua affermazione in Italia non molto tempo fa, si è sempre definito poco pretenzioso e sopratutto da non prendere troppo sul serio. Con molta probabilità, Chris Cornell si rivolterebbe nella tomba sapendo che prendiamo sul serio qualcuno come Sfera Ebbasta quando si definisce una rockstar.

Rockstar, donne, droghe ed Uber

Rockstar rappresenta per Sfera Ebbasta il suo cambiamento dovuto al passaggio dalla periferia alla grande città, anche se i temi principali non sembrano essere diversi da quelli soliti del genere. Anche in questo caso soldi, droghe, successo e donne, con l’aggiunta della novità Uber. La nostra prima impressione, ascoltando l’album, è stata quella di un’unica maxi traccia da 34 minuti, ma di questo riparleremo più avanti.

Sfera Ebbasta in una foto tratta dal booklet di Rockstar
Sfera Ebbasta in una foto tratta dal booklet di Rockstar

Sfera Ebbasta da Trap a Track

Rockstar è il brano che dà il nome al disco e il primo della tracklist. In un album che alterna atmosfere a volte più cupe e stanche, altre volte più spensierate, questo è uno dei pezzi forse più pacati. Infatti, nonostante il ritornello in cui descrive la sua situazione da “Rockstar, con due tipe nel letto ed altre due di là“, l’amaro in bocca lo lascia la descrizione iniziale, che ricorrerà per tutto il resto del brano, di una relazione finita ed un “messaggio che non arriva mai“. Che il nostro Trap King stia usando gli eccessi di una vita da rockstar per sottrarsi alle ripercussioni di una relazione finita?

Da Morandi ai serpenti a sonagli

Da menzionare è la citazione a Gianni Morandi della strofa “C’era un ragazzo che come me, amava i Beatles e i Rolling Stones” con la differenza che, rispetto a quello di Morandi, questo finisce a rollarsi qualcosa che, scusate l’ignoranza, non abbiamo capito e a mettere “lo sciroppo nel biberon“. Speriamo soltanto che il Gianni nazionale non l’abbia presa troppo male. La vita da rockstar, però, a volte sembra essere troppo pesante anche per Sfera Ebbasta. Ne è un esempio Serpenti a Sonagli in cui, già dalle prime strofe, è espresso un concetto di tempo pressante, oltre che la poca fiducia in quelli che possono identificarsi come i suoi seguaci. Lui stesso nel brano li definisce appunto “Serpenti a sonagli, con una mano disposti a spararti, con l’altra pronti a salvarti“.

Sfera Ebbasta in un'altra foto tratta dal booklet di Rockstar
Sfera Ebbasta in un’altra foto tratta dal booklet di Rockstar

Dai mezzi pubblici ad Uber

Quello di Uber è uno dei temi più ricorrenti ed infatti il rapper cita diverse volte l’agenzia privata di autisti; dall’omonima canzone fino a quella successiva, Ricchi x Sempre, l’azienda statunitense è utilizzata come rappresentazione della sua ascesa al successo: il percorso che lo ha portato dal dover prendere i mezzi pubblici fino a potersi permettere un passaggio dagli autisti Uber. Il passo successivo, come descritto proprio in Ricchi x Sempre, sarà quello di potersi permettere due BMW “una nera ed una blu“. Fatto sta che, anche se probabilmente non ne avrà bisogno, speriamo che Sfera ottenga qualche corsa gratuita come ringraziamento per la pubblicità ricevuta.

Brani simili e testi poco originali

Le argomentazioni che il rapper ci propone tendono a cadere un po’ troppo spesso nel luogo comune e nei testi si trovano molto raramente temi originali. Nello specifico, la Uber come metafora del percorso del cantante, ci sembra l’unico spunto originale di tutto l’album. La metrica e la linea melodica che caratterizzano il trap risultano sempre abbastanza orecchiabili e Rockstar non fa eccezione, almeno con le track prese singolarmente. Ascoltando più volte l’album per intero è risultato lampante che le basi ed il flow del rapper risultassero fin troppo simili un po’ in tutti i brani. Da qui il commento riguardante il primo ascolto, che non è stato smentito da quelli successivi.

Rockstar è il terzo album in studio di Sfera Ebbasta, interamente prodotto da Charlie Charles e pubblicato il 19 gennaio 2018 dalla Universal Music Group e dalla Def Jam Recordings.

Voto

Tracklist

  1. Rockstar
  2. Serpenti A Sonagli
  3. Cupido (feat. Quavo)
  4. XNX
  5. Ricchi x Sempre
  6. Uber
  7. Leggenda
  8. Bancomat
  9. Sciroppo (feat. DrefGold)
  10. 20 Collane
  11. Tran tran

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui