Roberto Vecchioni al Brancaccio di Roma per il suo L’infinito Tour

Roberto Vecchioni(2)

Dopo il sold out all’Auditorium Parco della Musica, Roberto Vecchioni ritorna al Teatro Brancaccio l’11 dicembre per una nuova data nella capitale. Il professore è stato premiato ieri sera ai Seat Music Awards per il disco d’oro ottenuto con il suo ultimo album di inediti L’infinito.

A grande richiesta, dopo il sold out all’Auditorium Parco della Musica, nuova data, a Roma, per Roberto Vecchioni con L’Infinito tour, mercoledi 11 dicembre al  Teatro Brancaccio di Roma, organizzata da Ventidieci e Dimensione Eventi. La prima parte dello spettacolo sarà dedicata ai brani del nuovo album per poi lasciare spazio ad alcuni classici del repertorio del cantautore, in una narrazione che tiene insieme la musica, la parola e l’immagine.

«L’Infinito è un grande spettacolo di canti, immagini e monologhi, che parte da un’idea precisa: l’infinito non è al di fuori di noi, non è introvabile, ma è dentro di noi, nella nostra anima e nelle nostre emozioni – spiega Vecchioni – tutta la prima parte dello spettacolo è giocata sul nuovo disco e sui personaggi che hanno battuto il destino, hanno combattuto il male, hanno amato la vita, gli altri e se stessi. Emerge un mio concetto recente, nuovo, di grande amore per tutto ciò che si fa e si vive. La seconda parte dello spettacolo, invece, è una specie di ritorno, uno sguardo sul passato con le canzoni di prima, che mostrano come si è arrivati a questo concetto di infinito attraverso pensieri particolari sull’amore, sul sogno, sull’esistenza, sul dolore, sulla gioia, sulla felicità… e come poi tutte queste piccole cose si siano ricomposte in un’unica idea, che è quella di amare la vita comunque sia, bella o brutta perché in realtà è sempre bella. Siamo noi che a volte la immaginiamo in un altro modo».

Roberto Vecchioni - Seat Music Awards
Roberto Vecchioni – Seat Music Awards

L’Infinito di Roberto Vecchioni, prodotto da Danilo Mancuso per DME e distribuito da Artist First, è uscito il 9 novembre 2018 e, a due mesi dal lancio, ha vinto il Disco d’Oro con venticinquemila copie vendute (dato FIMI), nonostante la scelta in controtendenza di rinuncia della piattaforme streaming e download ed è stato premiato ieri sera ai Seat Music Awards per questo traguardo. Il risultato attesta il successo della scelta di resistenza culturale anche dal punto di vista distributivo della canzone d’autore ed è un indicatore della necessità di punti di riferimento e messaggi autorevoli in un periodo contrassegnato da precarietà culturale.

Il lavoro discografico racchiude 12 brani inediti, con musica e parole del cantautore, disponibile in formato Cd, in edizione Deluxe arricchita dal saggio Le parole del canto. Riflessioni senza troppe pretese e in Vinile Limited Edition. La distribuzione con mezzi esclusivamente analogici: solo cd e vinile senza piattaforme streaming e download,  coerente al progetto discografico, indica la volontà di non trattare la musica come prodotto di consumo veloce, scaricabile con un click, di non decontestualizzare l’ascolto del singolo brano, parte integrante della narrazione che tiene insieme ritratti diversi, da Alex Zanardi a Giulio Regeni, dalla guerrigliera curda Ayse a Leopardi, che l’autore accomuna nell’amore per la vita.

Roberto Vecchioni - L'infinito cover
Roberto Vecchioni – L’infinito cover

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here