Sanremo 2020, Roberto Benigni recita e spiega Il cantico dei cantici

Roberto Benigni, l’ospite più atteso della terza serata del Festival di Sanremo 2020, ha recitato e spiegato alcuni frammenti del Cantico dei cantici, la prima canzone dell’umanità, un inno che esalta l’amore fisico.

Roberto Benigni, l’ospite più atteso della terza serata del Festival di Sanremo 2020, ha recitato e spiegato alcuni frammenti del Cantico dei cantici, la prima canzone dell’umanità, un inno che esalta l’amore fisico. L’artista toscano l’ha definita: «l’apice della poesia di tutti i tempi, una vera canzone, la prima dell’umanità. Imbarazza ancora per erotismo incluso, hanno trovato giustificazioni sul perché sia inserito nella Bibbia, come per esempio che l’autore era Salomone o hanno fornito interpretazione allegoriche per tenere nascosto il messaggio d’amore fisico. L’amore e la dolcezza fanno più paura della violenza, presente nella Bibbia ma che qui scompare. L’amore è l’infinito messo alla portata di tutti noi. Il libro del desiderio, narra di una coppia che si ama e questi due personaggi rappresentano ogni coppia che in tutto il mondo e in tutte le epoche si amano.»

Roberto Benigni
Roberto Benigni

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui