Renato Zero ricorda Ennio Morricone dedicandogli una poesia in romanesco

Renato Zero e Ennio Morricone
Renato Zero e Ennio Morricone

Anche Renato Zero ha voluto omaggiare l’amico e Maestro Ennio Morricone, scomparso oggi, dedicandogli una poesia in romanesco scritta di suo pugno

Tante le testimonianze d’affetto nei confronti del grande Maestro Ennio Morricone, morto all’età di 91 anni: tra queste c’è anche quella di Renato Zero, che dedica al suo amico Ennio una poesia in romanesco (sotto il testo). Nel 2001 Ennio Morricone scrisse tra l’altro la musica di un intenso brano di Renato Zero, Pura luce, pubblicato sull’album La curva dell’angelo e inserita in calce alla poesia.

Ennio che nun sei artro.
Che artro qui nun ce serve…
Pe dì che abbasti ar monno.
Che tu servi alla gente.
Je smovi l’interiora.
Je scombussoli er core.
Li fai senti importanti.
Je scateni l’amore…
Ennio che nun s’arresta
Ch’è ‘n fiume sempre in piena.
So partiture scritte
da un’anima assai pura
Tu fijo de na Roma
che soffre ma non trema
Spavalda e compagnona
tra un vaffa e ‘na preghiera.
Ennio che nun te pieghi
Che non te fai fregà
Perché hai avuto in dote
er genio e la sincerità!

Al Maestro Ennio Morricone,
dall’alunno e amico Renato Zero

Ennio che nun sei artro.Che artro qui nun ce serve…Pe dì che abbasti ar monno.Che tu servi alla gente.Je smovi…

Pubblicato da Renato Zero su Lunedì 6 luglio 2020


Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui