Pino Scotto pubblica il video del nuovo singolo Dog Eat Dog

È online il video di Dog Eat Dog, title track dell’ultimo album di inediti di Pino Scotto e che affronta il tema della violenza sulle donne e del bullismo

È online il video di Dog Eat Dog, title track dell’ultimo album di inediti di Pino Scotto  pubblicato per Nadir Music. Il video di Dog Eat Dog, prodotto da Beppe Platania per  Lucerna Films con la regia di Andrea Larosa, pone l’accento su due problematiche purtroppo ancora troppo diffuse al giorno d’oggi: la violenza sulle donne e il bullismo. Girato a Milano, la clip riprende il concetto che sta dietro al titolo del brano, mostrando episodi di prevaricazione nei confronti di una ragazza e un bambino. Da sempre attento a questo tipo di tematiche, Pino Scotto ha voluto lanciare un messaggio forte e di denuncia sociale, inserendo in chiusura una nota di speranza e di coraggio, per sottolineare una volta in più che l’unione fa la forza.

Preceduto dal brano apripista Don’t Waste Your Time, il nuovo singolo è il secondo estratto dell’album omonimo Dog Eat Dog. Un percorso musicale che parte dagli anni ’70 per arrivare ai giorni d’oggi, con testi che vogliono far riflettere l’ascoltatore sull’egoismo e la superficialità del mondo odierno. Composto da 11 brani e dalla cover dello storico brano dei Vanadium Don’t Be Looking Back, il disco affronta anche tematiche più personali, come Same Old Story, dedicata alle storie d’amore di una vita, o One World One Life, dedicata a suo figlio.

L’album, prodotto artisticamente da Pino Scotto, è mixato e masterizzato da Tommy Talamanca presso i Nadir Music Studios di Genova, mentre la produzione esecutiva è dello stesso Pino Scotto e Federico Gasperi. Alle chitarre e arrangiamenti Steve Volta, al basso Leone Villani Conti (Trick or Treat), alla batteria Federico Paulovich (Destrage) e alle tastiere Mauri Belluzzo (Graham Bonnett, ex Rainbow).

Pino Scotto ph. Nicola Allegri
Pino Scotto ph. Nicola Allegri

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci qui il tuo nome