Onward – Oltre la magia vietato in 4 paesi: colpa di un personaggio omosessuale

Onward - Oltre la magia vietato in 4 paesi: colpa di un personaggio omosessuale
Onward - Oltre la magia

Onward – Oltre la magia è stato vietato in 4 paesi del Medio Oriente: a quanto pare la colpa va attribuita ad un personaggio omosessuale che proprio non è andato giù…

Il film d’animazione della Pixar Onward – Oltre la magia (qui la nostra recensione, in attesa dell’uscita fissata per il 12 aprile 2020) è stato vietato in 4 paesi mediorientali: Kuwait, Oman, Qatar e Arabia Saudita, per la precisione. Il motivo è di carattere sessuale. O meglio, “omosessuale”. Ad aver causato malcontento, infatti, sarebbe stata proprio la presenza di un personaggio omosessuale – il primo in assoluto per la Pixar – doppiato dall’attrice Lena Waithe (dichiaratamente lesbica, nonché la prima donna omosessuale di colore ad apparire sulla copertina di Vanity Fair). A riportare la notizie è Deadlineautorevole sito di notizie di cinema a stelle e strisce, il che farebbe pensare che le cose siano andate davvero così.

A quanto pare non è andata giù una battuta pronunciata da Specter – questo il nome del personaggio, protagonista di appena qualche scena. “Non è facile essere genitori… la figlia della mia fidanzata mi sta facendo impazzire!”, afferma ad un certo punto. A Variety la Waithe ha detto che l’idea di inserire quella frase era stata proprio sua. In Russia, sempre secondo Deadline, la frase è stata modificata per far sparire l’omosessualità. Così, al posto di “fidanzata” è stata usata la parola “fidanzato”. Al momento nessuno ha rilasciato dichiarazioni in merito: silenzio assoluto da Disney, Pixar e dal distributore di Disney per i sopracitati Paesi mediorientali.

In Italia, dopo alcuni slittamenti dovuti alle disposizioni per il contenimento del Coronavirus, Onward – Oltre la magia dovrebbe arrivare nelle sale dal 12 aprile 2020.

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui