Nordic Film Fest 2019: con il primo giorno è la volta di Every Other Couple e Becoming Astrid

Every Other Couple e Becoming Astrid aprono l’ottava edizione del Nordic Film Fest attraverso temi delicati che coinvolgono e creano dibattito.

Inizia il Nordic!

C’è gran fermento alla Casa del Cinema per il Nordic Film Fest 2019, ma i film di apertura non tradiscono le aspettative, rivelandosi prodotti abilmente diretti e raccontati. Con un pubblico prevalentemente di anziani si aprono le porte di questa ottava edizione del Nordic Film Fest, la sala è piena, scarseggia la presenza dei giovani, dovuta forse all’orario ma noi siamo qui per raccontarvi quello che è successo. Il primo film presentato nel pomeriggio è Every Other Couple, un documentario che tratta il tema dei divorzi in una chiave intima e personale, che favorisce la riflessione.

Il nucleo familiare e il divorzio 

“La mattina di quel giorno non sapevamo che avremmo deciso di lasciarci. Non è stato progettato in alcun modo, ma è stato comunque un momento molto chiaro”. In Finlandia 1 su 2 matrimoni finisce con il divorzio. Tutti conoscono qualcuno che abbia divorziato, anche se il divorzio non fa parte della propria esperienza. Il documentario di Mia Halme scava nel profondo attraverso le coppie divorziate che in qualche modo ricordano la fine del rapporto con amarezza o come un piacevole ricordo del passato. Il  documentario dà la voce anche ai figli e ai nonni ascoltando le loro esperienze. Tre coppie, tre rotture, sei modi per ricordare attraverso una commuovente messa in scena che non risparmia qualche momento umoristico. Il film è stato candidato per il premio di miglior documentario internazionale al Hot Docs Canadian International Documentary Festival nel 2017.

Una clip tratta dal film Every Other Couple.
Una clip tratta dal film Every Other Couple.

E i bambini ? 

Every Other Couple ha la particolarità di presentare il divorzio come una condizione umana che influenza tutto il nucleo familiare fino a deteriorarlo o distruggerlo. Con sguardo disincantato si pone con un occhio di riguardo su come lo vivono i più piccoli, tra turbamenti adolescenziali e incapacità nell’accettare che mamma e papà non stanno più insieme. La prima cosa che compare è il senso di colpa e il disagio nei rapporti sociali in cui gli individui vengono isolati dai contesti che vivono. Gli amici, come i figli anche se inconsciamente sono costretti a prendere una posizione, schierandosi da una parte o dall’altra a dispetto del loro pensiero su tale vicenda. Ed è così che Every Other Couple diventa un affresco variegato che scava nel nucleo familiare per trovare la condizione reale del vissuto, attraverso lo sguardo innocente dei bambini.

Becoming Astrid e Alba August

Mentre si fa sera, si prepara la fila per Becoming Astrid, l’attesissimo film che riprende la vita dell’autrice svedese Astrid Lindgren in una lettura che lascia spazio al romanticismo e la voglia di vivere. L’autrice viene raccontata attraverso tutta l’energia che la rende libera, in una società patriarcale dove la donna è ancorata strettamente a dogmatiche regole che limitano la sua espressione. Astrid è famosa per aver creato il personaggio di Pippi Calzelunghe, che nelle sue storie ricche di avventure e popolate da bambini emerge sempre in una condizione di fanciullezza che non svanisce nel tempo ma si amplifica attraverso la fantasia e l’immaginazione dei bambini, il vero motore del mondo. Alba August ha lavorato in maniera eccezionale alla creazione di un personaggio credibile e sfaccettato che nonostante le difficoltà riesce sempre ad essere se stessa, libera da ogni preconcetto e sognante come un’eterna bambina.

Il nostro giudizio ai film visionati

Every Other Couple

VOTO:

Becoming Astrid 

VOTO:

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci qui il tuo nome