Addio a David Zard, portò in Italia Michael Jackson, Madonna e Notre Dame

David Zard

E’ morto David Zard, impresario musicale che portò in Italia le più grandi star mondiali, da Michael Jackson a Madonna, e musical di successo come Notre Dame de Paris.

Se n’è andato questa mattina David Zard, leggendario impresario musicale e produttore discografico di origine libica. Era ricoverato all’Ospedale Gemelli di Roma, dove si è spento all’età di 75 anni in seguito di una lunga malattia.

Nato a Tripoli il 6 gennaio del 1943 da una famiglia di religione ebraica e costretto ad abbandonare la Libia a causa delle persecuzioni contro gli ebrei in concomitanza della Guerra dei sei giorni, Zard diventò uno dei maggiori impresari musicali. Fu lui ad organizzare i primi concerti negli stadi e a portare in Italia i tour di Michael Jackson (Bad World Tour, 1988, e Dangerous World Tour, 1992), MadonnaDavid Bowie, Rolling Stones, Bob Dylan, Lou Reed, Frank Zappa, Santana, Cat Stevens, Genesis, Elton John, Tina Turner.

Uomo burbero, visionario, contraddittorio, Zard è stato anche manager dei vari Riccardo Cocciante, Angelo Branduardi, Gianna Nannini (di cui è stato produttore degli ultimi album), collaborando anche con Loredana Bertè (che licenziò alla seconda data di un importante tour), Claudio Baglioni (il suo storico mega concerto allo stadio Olimpico) e Renato Zero, per il quale si occupò delle luci e del suono ai tempi del tendone di Zerolandia, contribuendone al successo. Dopo un periodo di crisi anche finanziaria, a seguito del concerto dei Rolling Stones del 1990, David Zard si rimise in pista buttandosi sul teatro, organizzando gli spettacoli del Cirque du Soleil e soprattutto importando nel 2002 il musical Notre Dame de Paris di Riccardo Cocciante, un autentico kolossal portato in scena per oltre 1000 repliche, e in un’altra creazione fortemente voluta da Zard, il Gran Teatro, che poteva ospitare ben 3000 persone. Seguì quindi un altro musical di incredibile successo, Romeo e Giulietta – Ama e cambia il mondo, adattato per l’Italia da Vincenzo Incenzo, tutt’ora in tour nelle principali città.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here