Addio a Jimmy il Fenomeno, tra i più amati caratteristi del cinema italiano

Jimmy il Fenomeno patchwork

E’ morto a 86 anni Jimmy il Fenomeno, storico e amatissimo caratterista della commedia italiana degli anni ’60-’70-’80. Era considerato un portafortuna e per questo tutti volevano averlo nei propri film.

Se n’è andato ieri uno dei caratteristi più amati e riconoscibili del cinema italiano, Jimmy il Fenomeno. L’attore pugliese aveva 86 anni e si è spento a Milano nella casa di riposo per anziani “Casa per coniugi”, che lo ospitava ormai da 15 anni.

Nato a Lucera (FG) nel 1932 come Luigi Origene Soffrano (nome con cui è accreditato in diversi titoli), Jimmy il Fenomeno è apparso in oltre 150 film tra il 1958 e il 1998, senza mai avere un ruolo da protagonista. La sua fisicità, il suo dialetto, la sua risata sguaiata e soprattutto il suo sguardo strabico, ne hanno fatto per decenni il caratterista più richiesto dal cinema italiano (oltre che il più riconoscibile), anche grazie alla leggenda che portasse fortuna. E così i più disparati registi lo hanno voluto nei loro film, anche solo di passaggio in una scena di contorno, soprattutto nelle commedie, a partire da quelle con Totò fino ad arrivare a quelle scollacciate degli anni ’70.

Da Ugo Tognazzi a Steno, da Luciano Salce a Castellano & Pipolo, da Lucio Fulci a Umberto Lenzi, da Luigi Zampa ai fratelli Corbucci, da Dino Risi a Fernando Di Leo, da Carlo Vanzina a Neri Parenti fino a Carlo Verdone, tutti i registi della commedia italiana (e non solo) hanno voluto Jimmy in almeno un loro film. Proprio a causa delle sue partecipazioni spesso brevissime, è pressoché inutile stilare una sua “filmografia ragionata”.

I fan di Fantozzi possono però ricordarlo in ben tre film: nel primo Fantozzi è uno degli impiegati che nella scena iniziale si prodigano per cercare il Rag.Ugo involontariamente murato vivo; in Superfantozzi è uno dei canottieri nella gara sul Tevere la cui imbarcazione, proprio a causa del suo strabismo, si schianta su un pilone del ponte; in Fantozzi in paradiso è invece uno dei parenti del defunto del primo funerale, in cui a Fantozzi viene da ridere mentre fa le condoglianze alla vedova.

Oltre ai tanti film con Franco & Ciccio, indimenticabili anche i suoi “duetti” con Lino Banfi, come ne L’infermiera di notte in cui Jimmy è un portalettere un po’ cretino che deve consegnargli un telegramma, o ne L’infermiera nella corsia dei militari, in cui è il guardiano del manicomio che, comportandosi istericamente, ripete a Banfi a più riprese «Io non sono matto, io sono il guardiano!».

Nel 2006 gli è stato dedicato anche una sorta di corto-documentario, dal titolo Jimmy e i suoi fenomeni, diretto da Dario De Rosario e Gianni De Mare. In televisione si ricordano le sue partecipazioni a Piccolo SlamDrive In negli anni ’80, mentre anche le società calcistiche invitavano Jimmy, spinte dalla leggenda sul portafortuna. Dopo il trasferimento da Roma a Milano a metà anni ’90, nel 2010 Jimmy il Fenomeno, ormai in sedie a rotelle e in difficoltà economiche, aveva lanciato un appello per avere il sussidio previsto dalla Legge Bacchelli per gli artisti indigenti. Era infine apparso negli anni 2000 anche nella trasmissione Stracult.

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui