Addio a Pamela Tiffin, bionda nel cinema italiano e due volte nominata al Golden Globe

Pamela Tiffin
Pamela Tiffin

E’ morta l’attrice Pamela Tiffin, due volte candidata ai Golden Globe e, per un decennio, “bionda” del cinema italiano da Straziami ma di baci saziami con Manfredi, ai film accanto a Mastroianni, Gassman, Nero, Buzzanca

L’attrice americana Pamela Tiffin è morta in ospedale di New York all’età di 78 anni. A dare l’annuncio della morte, avvenuta il 2 dicembre per cause naturali, è stata la figlia Echo Danon al The Hollywood Reporer.

Le origini e i Golden Globe

Pamela Tiffin Wonso era nata a Oklahoma City il 13 ottobre 1942 ed è cresciuta in un sobborgo di Chicago, dove ha iniziato a fare la modella. Si è poi trasferita a New York con sua madre per continuare la carriera, apparendo più volte sulla copertina di Vogue e in pubblicità varie. Esordisce al cinema nel 1961, ricevendo due nomination ai Golden Globe per i suoi primi due film: come miglior attrice esordiente per Estate e fumo di Peter Glenville, e come miglior attrice non protagonista per Uno, due, tre! di Billy Wilder. Dopo alcuni film a Hollywood, come La carovana dell’Alleluia di John Sturges, la Tiffin si è separata dal marito produttore Clay Felker, trasferendosi a Roma a metà degli anni ’60, incantata dalla Città Eterna, cambiando il suo colore di capelli in biondo.

L’esperienza italiana, da Mastroianni a Buzzanca

In Italia per un decennio partecipò soprattutto a commedie, con incursioni in altri generi negli anni ’70, lavorando con Marcello Mastroianni in Oggi, domani, dopodomani (1965), Philippe Leroy in Delitto quasi perfetto (1966), Vittorio Gassman ne L’arcangelo (1969), Carlo Giuffrè in Cose di Cosa Nostra (1971) e in La signora è stata violentata (1973), Lando Buzzanca ne Il vichingo venuto dal sud (1971), Franco Nero in Giornata nera per l’ariete (1971) e in Los amigos (1973), Farley Granger in Amore mio, uccidimi! (1973).

Dalla celebre “Marisa” con Manfredi al ritiro

Il suo ruolo più celebre resta però quello in Straziami ma di baci saziami (1968) di Dino Risi, in cui la Tiffin ha interpretato Marisa Di Giovanni, l’operaia marchigiana che vive la sua tormentata storia con il barbiere Nino Manfredi.

La Tiffin ha poi sposato il filosofo Edmondo Danon e si è ritirata dalle scene poco più che trentenne per fare la mamma, tornando a vivere a New York.

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui