Addio ad Antonella Lualdi, diva degli anni ’50 e’ 60 e moglie di Franco Interlenghi

È morta a 92 anni Antonella Lualdi, diva del cinema italiano negli ’50 e’ 60: moglie dell’attore Franco Interlenghi, recitò per Rossellini, Lattuada, Monicelli, Scola

L’attrice Antonella Lualdi, icona del cinema italiano degli anni ’50 e’ 60, è morta all’età di 92 anni. Era ricoverata in un ospedale fuori Roma, come comunicato dal fratello Carlo.

I funerali saranno celebrati  sabato alle ore 15 presso la chiesa di Santa Chiara, a piazza dei Giuochi Delfici a Roma.

Vita e carriera di Antonella Lualdi

Un sodalizio duraturo sia nella vita che nella carriera l’ha legata al collega Franco Interlenghi, con il quale ha condiviso numerosi successi cinematografici, tra cui “Miracolo a Viggiù” di Luigi Giachino e “La cieca di Sorrento” di Giacomo Gentilomo. Nata Antonietta De Pascale a Beirut nel 1931, da padre italiano e madre greca, ha trovato il suo trampolino di lancio nel film musicale “Signorinella” (1949) a soli 19 anni.

La sua carriera si è arricchita di interpretazioni memorabili, come in “Il cappotto” di Alberto Lattuada e in collaborazioni con il marito Franco Interlenghi, noto per “I vitelloni” di Fellini. Antonella Lualdi ha lasciato un’impronta indelebile anche nella televisione, con notevoli apparizioni insieme al marito in film come “Padri e figli” di Mario Monicelli e “Se permettete parliamo di donne” di Ettore Scola. Nel 1979 ha sorpreso il pubblico posando senza veli per l’edizione italiana di Playboy.

Nel 2018, ha condiviso la sua storia in “Io Antonella amata da Franco”, un’emozionante autobiografia. Negli anni ’90, ha riscosso un ritorno di popolarità grazie alla serie televisiva francese “Il commissario Cordier”, in cui ha interpretato la moglie italiana del protagonista.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci qui il tuo nome