Milano Music Week 2018: domani anche Jean Michel Jarre

Milano Music Week 2018 - banner

La Milano Music Week 2018 parlerà di impatto delle nuove tecnologie sulla musica,  lo stato della musica italiana all’estero, l’evoluzione della figura del manager musicale nella giornata di venerdì 23 novembre. In serata, l’incontro con Jean Michel Jarre, guru dell’elettronica mondiale.

Il programma completo della Milano Music Week 2018 è disponibile sul sito ufficiale. Gli highlights di domani, venerdì 23 novembre:

10.30 PANEL – L’INNOVAZIONE TECNOLOGICA 4.0 NELL’INDUSTRIA MUSICALE. Come le nuove tecnologie interagiscono con la musica, creando dei veri e propri modelli innovativi e di sviluppo per la Music Industry – Palazzo Giureconsulti Via dei Mercanti, Milano – Nell’ampia cornice del progetto strategico Punto Impresa Digitale della Camera di commercio di Milano Monza Brianza e Lodi, in collaborazione con il Comune di Milano e LePark, innovativo makerspace ed abitazione naturale dell’open innovation per l’arte e la musica, il panel ha l’obiettivo di approfondire gli ultimi trend tecnologici in campo musicale, attraverso la presentazione di progetti innovativi di VR e I.A. | GRATUITO

12.00 PANEL – Creative industries in Europe: the future sounds good! Presentato da AssoMusica, Hub Conference – Linecheck Music Meeting Day2 – Base, Via Bergognone 34 – Interverranno: Silvia Costa, Parlamento Europeo, Jens Michow, Presidente Bundesverband, Arthur Le Galle, Director KEA European Affairs, Vincenzo Spera, presidente Assomusica. | A PAGAMENTO CON ABBONAMENTO FULL PASS O MEETING

14.30 PANEL – Un anno di musica italiana all’estero: il report del primo anno di attività dell’Italia Music Export-SIAE, presentato da Italia Music Export-SIAE – Linecheck MusicMeeting Day2 – BASE, via Bergognone, 34 – SIAE presenta il report 2018 dell’ufficio Italia Music Export e lancia le nuove attività di music export per il 2019. | A PAGAMENTO CON ABBONAMENTO FULL PASS O MEETING

15.15 PANEL – Universal Music Italy: the new set-up at the service of the new record market, presented by Universal / FIMI – Linecheck MusicMeeting Day2 – BASE, via Bergognone, 34 – La rivoluzione di casa Universal Music Italia unisce tre etichette discografiche diverse sotto lo stesso tetto. Tre team indipendenti sono al lavoro sulla crescita esponenziale nel mercato discografico moderno, ma l’obiettivo è unico: mantenere e aumentare la leadership della casa discografica più grande del mondo. Dando uno sguardo al mercato, senza dimenticare la visione autonoma del repertorio, i tre managing director raccontano la gestione del flusso di repertorio internazionale nel nuovo assetto aziendale. | A PAGAMENTO CON ABBONAMENTO FULL PASS O MEETING

17.00 PANEL – PLAY. Lo studio di registrazione come luogo di formazione e la figura del produttore musicale – Università Cattolica, aula C114, via Carducci, 28/30 – Lezione aperta sullo studio di registrazione come luogo di formazione e sulla figura del produttore musicale a cura del Master in Comunicazione Musicale. La lezione sarà introdotta dalla proiezione del documentario “Play” di Dave Grohl – in collaborazione con Rockol e SonyMusic. Moderano: Gianni Sibilla, direttore del Master in Comunicazione Musicale, Luca De Gennaro, curatore artistico della Milano Music Week. Intervengono: Luca Fantacone, SonyMusic, Fabrizio Ferraguzzo, produttore Alessandra Brizzi (Associazione Carlo U. Rossi) | GRATUITO

18.00 MMW INCONTRA – JEAN MICHEL JARRE – TERRAZZA MARTINI, Piazza Diaz 7 – Per ogni artista ciascuna canzone è un pezzo della propria vita, e quando si finisce di lavorare a un disco, non si vede l’ora di poterlo raccontare al pubblico. Milano Music Week offre la possibilità di incontrare da vicino artisti italiani e internazionali per sentirli parlare della loro musica. L’ultimo appuntamento “MMW incontra” sarà con Jean Michel Jarre – guru dell’elettronica mondiale che ha saputo unire avanguardia, melodia e atmosfere liquide nel suo background e nei suoi visual – che sarà intervistato dal giornalista e critico musicale Damir Ivic. | GRATUITO FINO AD ESAURIMENTO POSTI

Jean Michel Jarre - Milano Music Week 2018
Jean Michel Jarre

18.00 PANEL – DA PAGANINI AI TALENT – Come si è evoluto il management dell’artista. Presented   by: Assomusica – Linecheck MusicMeeting Day2 – BASE, via Bergognone, 34 – Un panel interamente dedicato alla figura del manager musicale, vero e proprio excursus che prende le mosse da quel primo grande esempio di capacità imprenditoriale ante litteram, rappresentato dalla figura di Niccolò Paganini. Il grande compositore è stato non soltanto il primo vero “divo” della musica strumentale, l’antesignano delle tante star di oggi, ma anche il primo manager di se stesso. Da allora l’attività di promoter nello spettacolo è divenuta una professione che si avvale di strategie sempre più raffinate, impiegando i mezzi più potenti della tecnologia. Durante il workshop si avvicenderanno i nuovi protagonisti del settore, grandi ospiti che porteranno la propria esperienza diretta. Non solo un incontro per addetti ai lavori, quindi, ma un momento aperto a tutti che ripercorrerà in modo inedito la storia di un mestiere oggi alla base di qualsiasi spettacolo e che non ha mai smesso di mutare attraverso i secoli. | GRATUITO

19.00 INCONTRO – Il sacro fuoco della musica: Beautiful music – Il Mio Libro, Via Sannio – “Sta succedendo, lo sento. La musica mi sta cambiando, anche se non so esattamente come”: sono le parole del protagonista di Beautiful music di Michael Zadoorian, un affondo nel mondo delle radio indipendenti e del rock degli Anni Settanta. Una storia di solitudine, di riscatto e di formazione che ruota attorno alla musica, raccontata dall’editrice e traduttrice Claudia Tarolo insieme a Enzo Mazza, CEO di FIMI. Modera il giornalista Andrea Laffranchi. | GRATUITO

21.00 LIVE – MUDHONEY – Santeria Social Club, Viale Toscana 31 – I Mudhoney – da trent’anni portabandiera del grunge americano – presenteranno il nuovo album “Digital Garbage”. | A PAGAMENTO

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui