Mika, partito in Francia l’Apocalypse Calypso Tour

Mika - tour 2024
Mika - tour 2024

Ha preso il via dalla Francia l’Apocalypse Calypso Tour, la nuova tournée europea di Mika che farà tappa in Italia a luglio al Lucca Summer Festival

Ha preso il via dalla Francia l’Apocalypse Calypso Tour, la nuova tournée europea di  Mika che passerà per Lussemburgo, Svizzera, Belgio, Paesi Bassi, Germania, Regno Unito, Irlanda e farà tappa anche in Italia, venerdì 19 luglio, con un concerto speciale al Lucca Summer Festival.

Dopo l’esordio a Clermont-Ferrand e il sold out a Bordeaux, Lille e Rouen, sono Rennes, Brest, Nancy, Strasburgo, Reims, Tours, Digione, Annecy, Grenoble, Lione, Montpellier, Marsiglia, Parigi, Esch-Sur-Alzette, Ginevra, Amsterdam, Bruxelles, Berlino, Brighton,  Wolverhampton, Londra, Dublino, e Lucca le altre 25 venue pronte ad accogliere la popstar libanese, che promette di portare sul palco una serie di spettacoli indimenticabili, ricchi di energia travolgente e creatività esclusiva.

«Un nuovo tour, un nuovo concerto, una nuova setlist in quattro diverse lingue. Sono show pop-concettuali-rock. Cantiamo e balliamo, ma non mancano anche momenti più seri, toccanti, di riflessione» racconta Mika dopo l’esordio della sua nuova tournée, che vede inseriti in scaletta i brani più noti della sua carriera fino ai più recenti dell’ultimo album di inediti interamente realizzato in francese.

«Un progetto molto personale, lo definirei quasi “una chicca”. Questa è la prima volta che realizzo un album interamente in francese: ha stimolato molto la mia creatività e ha avuto delle ripercussioni sia sul tour che sulla nuova musica che sto componendo. Diciamo che è stata una specie di rinascita».

Il tour farà tappa in Italia il prossimo 19 luglio Lucca, città che ospiterà l’artista per la prima volta in carriera, nonostante il suo legame viscerale con questa terra. «Non è un segreto che mi piace tantissimo la Toscana: è un luogo dove ho vissuto e dovermi reco spesso per lavoro. Lucca, in particolare, è una città dove ormai mi sento quasi di casa e dove gli abitanti mi possono incontrare tranquillamente per strada, ma dove non mi sono mai esibito. Mi sembrava quindi una scelta perfetta fare un concerto in una città a cui sono molto affezionato e in cui ho sempre voluto cantare»

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci qui il tuo nome