Mary Poppins, società fallita: sparito l’incasso dei 20000 biglietti venduti

Mary Poppins - Il Musical va in scena al Teatro Sistina fino al 6 Gennaio 2020

Mary Poppins – Il musical, società fallita: la World Entertainment Company s.r.l chiude i battenti senza rimborsare i soldi dei biglietti venduti.

Dal Tribunale di Modena arriva una pessima notizia per il teatro italiano: la World Entertainment Company s.r.l ha definitivamente chiuso i battenti. Basta consultare il Portale dei fallimenti per apprendere quanto accaduto alla società che ha prodotto Mary Poppins – Il Musical che tanto era piaciuto al pubblico di Milano e Roma. Sia nella stagione 2019/2020 che in quella precedente lo spettacolo aveva richiamato moltissime presenze: sono stati venduti oltre 200.000 biglietti. Non a caso il Teatro Nazionale CheBanca! di Milano aveva tutta l’intenzione di riproporlo da fine gennaio a metà marzo. Poi l’annullamento “per problemi finanziari”.

Il presidente Wec Giorgio Barbolini aveva annunciato una dichiarazione pubblica che tuttavia non è mai arrivata: dai vertici prosegue il silenzio più assoluto. Il curatore fallimentare ha preso in mano la pratica solamente nella giornata di mercoledì 4 marzo, ma il dubbio che sembra sempre più tangibile resta quello economico: chi ha acquistato il biglietto di Mary Poppins probabilmente non verrà rimborsato in alcun modo. TicketOne – fiancheggiato anche dall’Unione Consumatori e dall’Antitrust – resta fedele a quanto affermato a fine febbraio: ha “espletato ogni pratica per entrare in possesso delle somme necessarie al rimborso degli acquirenti”. Senza successo, però. Ciò significa che i 20.000 biglietti venduti a Milano e mai goduti resteranno a carico del pubblico? Tutto dipende dall’attivo che la società dichiara all’atto di fallimento, ma la questione non sembra affatto volgere per il meglio.

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui