Marco D’Amore, intervista L’immortale: vi racconto l’infanzia di Ciro Di Marzio

Ecco la nostra video intervista esclusiva a Marco D’Amore, protagonista e regista de L’immortale, lo spin-off di Gomorra in cui porta sul grande schermo il suo Ciro Di Marzio e ne racconta anche l’infanzia

Vi presentiamo la nostra video intervista esclusiva a Marco D’Amore, protagonista e regista de L’immortale. Il popolare Ciro Di Marzio di Gomorra ci ha parlato di questo spin-off della celebre serie Sky, del suo personaggio, della responsabilità di un prodotto simile, dell’infanzia di Ciro e del giovanissimo Giuseppe Aiello che lo ha interpretato, e del collegamento che il film fa tra la quarta e la quinta (e futura) serie di Gomorra, spiegando perché che anche chi non è fan può comunque a vederlo. L’immortale sarà nelle sale dal 5 dicembre, distribuito da Vision Distribution.

Disponibile anche il video integrale della conferenza stampa con Marco D’Amore, Giuseppe Aiello e i produttori.

Sinossi

Il corpo di Ciro sta affondando nelle acque scure del Golfo di Napoli, colpito al petto da Genny Savastano, il suo unico, vero amico. E mentre sprofonda sempre più, affiorano i ricordi. I suoni attutiti dall’acqua si confondono con le urla di persone in fuga… È il 1980, la terra trema, i palazzi crollano, ma sotto le macerie si sente il pianto di un neonato ancora vivo: è Ciro di Marzio, da quel giorno in poi tutti lo chiameranno l’Immortale. Anni dopo, quello stesso bambino ormai adulto, sopravvive anche a quel fatidico sparo: allora è vero quello che si dice, l’Immortale non lo uccide nessuno.

Ambientato tra la Napoli degli anni ’80 post-terremoto e la Riga odierna, la storia è un continuo dialogo tra il presente di Ciro, esiliato sul Baltico a migliaia di chilometri da casa e dagli ultimi affetti rimasti, e il suo passato da orfano. Dall’infanzia per strada alle fredde estati del nord Europa, dai primi furti all’ultima guerra tra fazioni in lotta: tutto per sopravvivere a un mondo dove l’immortalità in fondo è solo una condanna. “L’Immortale” non è solo un’opera cinematografica ma un nuovo capitolo che si integra completamente in Gomorra – La serie e fa da ponte tra la quarta e la quinta stagione. Un progetto crossmediale e innovativo attraverso il quale, per la prima volta in assoluto nella storia della serialità, un film a se stante diventa anche un segmento del racconto a cavallo tra le due stagioni di una serie televisiva.

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui