Teatro Argentina: dal 5 giugno va in scena Macbeth, le cose nascoste

Macbeth, le cose nascoste (foto Studio Pagi)
Macbeth, le cose nascoste (foto Studio Pagi)

Macbeth, le cose nascoste, tratto dalla sanguinosa e geniale opera di Shakespeare, va in scena dal 5 al 13 giugno al Teatro Argentina: Carmelo Rifici torna a esplorare gli archetipi dell’inconscio nella potente riscrittura di Angela Dematté

Dal 5 al 13 giugno (ore 19, la domenica ore 17) la spregiudicata e audace indagine sui classici e sugli archetipi dell’inconscio collettivo di Carmelo Rifici conquista il palco del  Teatro Argentina con il sanguinario MACBETH, LE COSE NASCOSTE, una riflessione sulla violenza in bilico tra finzione e testo che si muove nello spazio intimo delle esperienze personali degli attori, ripercorse sul filo delle suggestioni dell’opera grazie al lavoro dello psicoanalista junghiano Giuseppe Lombardi e della psicoterapeuta Luciana Vigato.

Quattro anni dopo Ifigenia, liberata, il regista Carmelo Rifici si immerge assieme ad Angela Dematté e alla dramaturg Simona Gonella nella riscrittura di uno dei classici più potenti ed evocativi del genio shakespeariano, in cui il teatro si fa spazio di condivisione tra attori e spettatori. Se la filosofia è lo strumento che ha accompagnato il lavoro su Ifigenia, la psicoanalisi è la chiave della genesi e della realizzazione di Macbeth; parte integrante del progetto sono state infatti le sedute di analisi nelle quali gli attori hanno affrontato, in bilico tra esperienze autobiografiche e spunti dell’opera, i temi del testo. Il palco si dispone dunque a portare alle spettatrici e agli spettatori le elaborazioni e le incarnazioni di un processo psicanalitico, il cui risultato è un progetto articolato in tre parti. Uno spettacolo che offrirà al pubblico la possibilità di riagganciarsi alla “strega interiore”, lasciandosi guidare in un sogno collettivo, in un dialogo/confronto con la pulsione e il desiderio: «la prima parte consiste in un’analisi degli attori coinvolti nello spettacolo – racconta RificiDai loro lati “nascosti” si passa alla seconda fase, quella del lavoro sui personaggi: Macbeth vuole scoprire che cosa c’è oltre le cose conosciute, vuole distruggere il senso delle cose. La terza sezione è invece legata al mondo infero delle streghe, di Ecate, il mare nero nel quale nuota inconsapevolmente la collettività, la comunità degli uomini».

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui