LowLow presenta In prima persona: «Un disco introspettivo e vario»

LowLow

LowLow ha pubblicato il nuovo album In prima persona e nell’incontro con la stampa racconta l’evoluzione testuale e musicale presente, il suo rapporto con la scrittura e molto altro

Da oggi, venerdì 30 luglio 2021, è disponibile In Prima Persona, il quinto album di inediti di Lowlow, che arriverà a poco più di un anno di distanza dal precedente Dogma 93. L’album sarà disponibile su tutte le piattaforme digitali e anche in formato vinile. Per quest’album, Lowlow ha collaborato con Briga, presente nel singolo di lancio Coscienza SporcaJ-Ax, Ghemon e SVM. Per quanto riguarda i producer, oltre alla consueta presenza di Big Fish, produttore di quattro tracce, il rapper 28enne ha collaborato anche con i Cosmophonix, i Daddy’s Groove, Carlo Ciao, DFO, Marvely e Leo.

Il rapper ha presentato il suo nuovo progetto in conferenza stampa e ha parlato di apertura come concetto chiave: «Vengo da un lavoro precedente dove tutto era filtrato dalle mie passioni, dalle citazioni, la cultura. In questo caso, ho deciso di mettere tutto dietro. I riferimenti culturali arrivano in maniera trasversale e in primo piano ci sono io. Il lockdown è stato un periodo di ricostruzione. Questo lavoro mi ha dato una tranquillità che mi è sempre mancata. C’è stata la possibilità di guardarsi dentro con più coraggio, facendo venire fuori anche cose negative che, prima, erano filtrate dalla rabbia. Mi sono precluso spesso un sacco di aspetti della mia personalità: io sono una persona ironica, con interessi molto larghi. Sono andato in tanti studi diversi per mettermi in gioco, ci sono tanti featuring. Mi sono confrontato con tanti producer, è un’apertura verso la scena e un’apertura verso il pubblico. È un cambiamento nella sostanza più che nella forma».

Rispetto al disco precedente c’è un evoluzione come il suo rapporto con la musica: “Non riesco a scindere un lavoro dall’altro. Nella mia testa è un continuum di evoluzione e di analisi, e sicuramente senza Dogma 93 non sarei mai arrivato alle conclusioni di oggi. C’è tanto istinto ma anche tanta testa e c’è, del resto, un distanziamento da quel progetto per quanto riguarda la volontà di raccontare se stesso. Oggi mi sono esposto di più su cose che prima avevo paura di dire di me. La musica aiuta soprattutto gli altri, non faccio musica per autoanalisi. Sono molto ambizioso in questo e ho una visione alta di dove voglio arrivare. Eppure costantemente mi sento la brutta copia di me stesso, convivono demoni e scintille che mi permettono di scrivere cose belle e taglienti. Credo in tutto quello che faccio e per me questo lavoro è per me una missione. Amo il cantautorato e la scrittura a 360 gradi, ma sicuramente parto dal freestyle. Quello che mi piacerebbe è trovare un bilanciamento con la mia matrice rap per arrivare al punto in cui le persone sono interessante a quello che ho da dire indipendentemente dalle tendenze e dai generi. Ed è quello che fanno i cantautori».

LowLow - In prima persona cover
LowLow – In prima persona cover

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui