L’interpretazione dei sogni: all’Argentina lo spettacolo di Stefano Massini ispirato a Freud

L'interpretazione dei sogni - Stefano Massini (foto Filippo Manzini)
L'interpretazione dei sogni - Stefano Massini (foto Filippo Manzini)

Stefano Massini porta in scena L’interpretazione dei sogni al Teatro Argentina di Roma, spettacolo creato ispirandosi agli scritti di Sigmund Freud

Da martedì 5 al 21 dicembre al Teatro Argentina di Roma va in scena L’interpretazione dei sogni, l’attesissimo spettacolo che Stefano Massini ha creato ispirandosi agli scritti di Sigmund Freud. Stefano Massini porta così a compimento il suo decennale lavoro, iniziato nel 2008 e costellato di prestigiose occasioni pubbliche, compresa la tappa intermedia dell’omonimo romanzo pubblicato da Mondadori nel 2017 e tradotto in più lingue.

Dopo l’acclamato spettacolo realizzato al Piccolo Teatro, nel 2018 Massini torna nel mondo di Freud con un testo completamente nuovo, mettendo il suo estro di narratore al servizio di uno spettacolo liberamente ispirato e tratto dagli scritti di Freud. Un impressionante catalogo umano: sulla scena, fra le note di Enrico Fink, prende forma un variopinto mosaico di personaggi che, narrando i propri sogni, compongono una sinfonia di immagini e di possibili interpretazioni, in cui il pubblico si riconosce e ritrova.

L'interpretazione dei sogni - Stefano Massini (foto Filippo Manzini)
L’interpretazione dei sogni – Stefano Massini (foto Filippo Manzini)

Lo spettacolo

Dove andiamo quando sogniamo? Che cosa cerchiamo di dire a noi stessi in quello spazio sospeso, ulteriore e intermedio, che ci accoglie appena chiudiamo gli occhi? Ogni essere sogna, al di là del fatto che ne conservi memoria: la nostra esistenza è un susseguirsi di visioni notturne, architetture elaborate e complesse, la cui edificazione obbedisce a una necessità naturale. E allora la domanda diventa: perché sogniamo? Perché per l’essere umano è un bisogno vitale e ineludibile?

La ricerca sui sogni di Sigmund Freud, pietra miliare del Novecento, tenta una risposta attraverso l’analisi di numerosi casi clinici, talora drammatici, talora perfino buffi e occasionali, ognuno capace di rivelarci qualcosa sulle leggi misteriose e splendide che sovrintendono alle nostre messinscene notturne. Sì, messinscene. Perché il sogno nella lettura di Freud ha un impianto profondamente teatrale, evidente fino da quel titolo originario del volume che alludeva a una vera e propria “drammaturgia onirica”. E dunque ecco scaturire l’ultima domanda: con quali regole si procede, nel fantasmagorico teatro del Sogno?

L’INTERPRETAZIONE DEI SOGNI

  • liberamente ispirato e tratto dagli scritti di Sigmund Freud
  • di e con Stefano Massini
  • scene Marco Rossi
  • luci Alfredo Piras
  • immagini Walter Sardonini
  • musiche Enrico Fink
  • eseguite da
  • trombone e tastiere Saverio Zacchei – chitarre Damiano Terzoni – violino Rachele Innocenti
  • produzione Teatro Stabile di Bolzano, Fondazione Teatro della Toscana, Teatro di Roma – Teatro Nazionale
  • in collaborazione con Piccolo Teatro di Milano – Teatro d’Europa

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci qui il tuo nome