Leo Da Vinci – Missione Monna Lisa, recensione: un’occasione sprecata

Leo Da Vinci - Missione Monna Lisa, recensione

Leo Da Vinci – Missione Monna Lisa è un film d’animazione tutto italiano che avrebbe potuto avvicinare il Genio del Rinascimento ai giovanissimi: l’impresa tuttavia viene appena sfiorata.

 

Leonardo catapultato nel 2018

Il protagonista di Leo Da Vinci – Missione Monna Lisa è il giovane Leo, un ragazzino pieno di idee e di fantasia. Il suo estro lo porta a diventare un inventore ammirato dai suoi amici ma anche dalla bella Lisa, musa di uno dei suoi più celebri ritratti. Questo il pretesto per collegare uno degli artisti più prolifici della storia dell’umanità ad un film d’animazione moderno e avventuroso. Non è un caso che si utilizzi la parola “pretesto”: un incendio devasta la fattoria del padre di Lisa e Leo decide di dare la caccia ad un tesoro sommerso per aiutarla, dando così il via ad una serie di avventure che esulano dal personaggio di Leonardo Da Vinci per avvicinarsi piuttosto a quelle del coraggioso Leo.

Adatto ai bambini ma non ai loro accompagnatori

Film d’animazione per bambini come Capitan Mutanda o Gli Eroi del Natale avevano abituato il pubblico ad assistere a pellicole perfette per i bambini ma gradevolissime anche per i loro accompagnatori adulti. Leo Da Vinci – Missione Monna Lisa non riesce però a raggiungere lo stesso risultato. Se i bambini apprezzeranno senza dubbio l’avventura e la freschezza della storia, ai “grandi” la storia potrebbe apparire superficiale. Sarebbe stato bello vedere – seppur in maniera semplicistica – cosa porta Leo a costruire le sue geniali  macchine, eppure questo passaggio è completamente assente e finisce con lo sminuire il Genio toscano.

Colonna sonora pronta a far cantare

La colonna sonora di Leo Da Vinci – Missione Monna Lisa è stata affidata al vincitore di Amici 2017 nella categoria canto: Riki Marcuzzo. In altre parole, uno degli interpreti più amati del momento tra i giovanissimi. Il brano Il tempo intorno, orecchiabile e romantico al punto giusto, è pronto così a candidarsi ufficialmente a tormentore radiofonico. La mossa di ricorrere ad un personaggio commerciale e dal sicuro appeal si rivela decisamente azzeccata: le note della canzone sono destinate a sopravvivere alla sala cinematografica per essere scaricate e cantate dai giovanissimi molto più a lungo.

Recensione Leo Da Vinci missione Monna Lisa
Leo Da Vinci: il Genio toscano è un ragazzo brillante e moderno

Cosa manca e cosa piace

Sergio Manfo, regista e cosceneggiatore del film, voleva senza dubbio trovare un punto d’incontro tra modernità e tradizione. Al suo Leo Da Vinci manca però una dimensione: ciò che si vede di lui è troppo poco per rimandare davvero alla figura storica cui è ispirato o per creare un personaggio che sia “memorabile”. Stesso discorso per la Missione Monna Lisa: le vicende che si trova ad affrontare Leo insieme agli amici Lorenzo e Lisa risultano prevedibili e fin troppo lineari. La pellicola resta tuttavia piacevole, scorrevole e divertente. Le idee ci sono, semplicemente non riescono a scavare fin quanto ci si sarebbe aspettati.

Leo Da Vinci – Missione Monna Lisa è una produzione italo-polacca che esce nelle sale l’11 gennaio 2018 distribuito da Videa – CDE.

Voto

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui