La vita secondo John Cusack sbarca al Teatro Trastevere

Flavia Germana de Lipsis

La vita secondo John Cusack, per la regia di Pietro Dattola, sarà al Teatro Trastevere dal 7 al 10 febbraio. Una storia fatta di insicurezze e di necessità, una ricerca di vie d’uscita dall’abisso in cui si vive.

Si nasce soli, si muore soli. E nel mezzo? Ci si aggrappa. Disperati. Di slancio. Senza calcoli. Forte. Tanto forte. Troppo forte, a volte, e non esiste nient’altro, nessun altro e tutto il resto è minaccia al frammento di universo al quale ci si è aggrappati; tutto il resto è l’abisso e fa paura. 

Madre adottiva e figlia adottata sono inseparabili, ma per i motivi sbagliati. L’abisso le circonda e l’unico modo per respingerlo è restare aggrappate l’una all’altra, anche se il rapporto, corrotto sin dall’inizio, è ormai irrimediabilmente insalubre, cosa di cui sono perfettamente consapevoli. Ma il loro cancello rimane chiuso. 

La vita secondo John Cusack - Locandina
La vita secondo John Cusack – Locandina

In questo ingranaggio di tortura mascherato da sollievo s’inserisce John Cusack – o, comunque, qualcuno che pare gli somigli. Viandante della vita, lui ha un modo tutto suo di aggrapparsi. Più gentile, meno ossessivo. L’abisso circonda anche lui, ma a quanto pare è in grado di attraversarlo. L’importante è aprire il cancello e andare avanti. In discesa, in salita, ma avanti. Un piede davanti all’altro.

Con La vita secondo John Cusack appuntamento al Teatro Trastevere, Via Jacopa de’ Settesoli 3, dal 7 al 10 febbraio, da giovedì a sabato ore 21:00, domenica ore 17:30. 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here