La vita in un attimo, recensione dell’intenso dramma di Dan Fogelman

La vita in un attimo

La vita in un attimo (Life Itself), diretto da Dan Fogelman, creatore di This Is Us, con dolcezza e naturalezza, racconta tre storie, tre mondi, tre generazioni, un legame indissolubile ed eterno. Tra lacrime e sorrisi il film è un esplosione di emozioni.

Un insieme di personaggi

La vita in un attimo, diretto da Dan Fogelman, segue la travolgente storia d’amore di Will (Oscar Isaac) e Abby (Olivia Wilde). Man mano che la storia va avanti, il destino li legherà a Dylan (Olivia Cooke), una giovane problematica che cerca di sfuggire al proprio dolore, Irwin (Mandy Patinkin), che cresce la figlia di suo figlio in un mondo pieno di pericoli, al signor Saccione (Antonio Banderas), ricco proprietario terriero spagnolo, al suo braccio destro Javier (Sergio Peris-Mencheta), che gestisce la piantagione, e alla famiglia di Javier, Isabelle (Laia Costa) e Rodrigo (Alex Monner). Un intreccio di vite, di storie, di momenti e di istanti che condizioneranno per sempre le loro vite.

La vita stessa

Un amore travolgente, un dolore dopo l’altro, una distrazione di troppo, una promessa infranta, un favore in più, un legame non ricambiato… la tragicità e la gioia nella vita di tutti i giorni, raccontata con la dolcezza e la delicatezza di Dan Fogelman. Gli amanti del genere, per citare la serie capolavoro This Is Us, sapranno esattamente a cosa stanno andando incontro e forse per chi conosce lo stile di Fogelman alcune parti della storia potranno essere prevedibili, ma pur sempre emozionanti e realistiche. Perché il regista ragiona sugli istanti, su quell’attimo in cui si fanno le piccole scelte che, un giorno, diventeranno il momento più importante della propria vita.

La vita in un attimo - Olivia Wilde e Oscar Isaac
Olivia Wilde e Oscar Isaac in una delle scene più dolci del film

Tutto è in divenire

Istanti, secondi, attimi, uno sguardo, un sorriso e tutto può cambiare. La metafora della vita più chiara e verosimile che, come in This Is Us, è esplicita e ben resa in La vita in un attimo, come dice anche il titolo: la vita stessa. Il film coinvolge, emoziona, commuove e insegna che per ogni fine c’è un nuovo inizio, che niente è impossibile, neanche quando sembra di essere destinanti a soffrire. Proprio come alcuni personaggi della storia, sfiduciati e disillusi. E mentre un incidente, una distrazione, un momento sbagliato nel posto sbagliato segna le vite dei protagonisti, Dan Fogelman rappresenta l’amore, l’amicizia, i legami familiari, facendo immedesimare il pubblico in ogni personaggio, facendolo gioire e soffrire insieme.

Un’altra opportunità, un altro amore, un’altra amicizia, una nuova forza

Un incontro fra generazioni, l’inesorabile scorrere del tempo, bambini che crescono, che diventano adulti, genitori, nonni, in un ciclo della vita che non si fermerà mai. Ci saranno sempre nuove prove, nuove scelte, nuove difficoltà e nuovi amori. Il regista rappresenta con estrema importanza ogni momento della vita dei protagonisti, non deve essere una tragedia riconosciuta, una scelta di vita, un periodo difficile o felice, ma semplicemente la vita quotidiana, la normalità, il naturale passare dei giorni e, Fogelman sottolinea, che è sempre di vitale importanza, perché in ogni secondo si compie una scelta fondamentale per la vita, anche se non sembra. Prima o poi lo sarà.

La vita in un attimo - Annette Bening
Annette Bening e Oscar Isaac in una delle scene più drammatiche del film

Nessun rimpianto

Una regia chiara e lineare, delle ottime interpretazioni e una scelta degli attori precisa e in linea con il passare del tempo, tipico di Fogelman. Una fotografia caratterizzata da colori caldi e accesi, spesso in contrasto con ciò che provano i protagonisti, a ricordare che le seconde opportunità esistono per tutti. Sequenze di montaggio che commuovono ed emozionano, una straordinaria alternanza tra passato e presente, fatta di ricordi e sogni. Dan Folgeman sottolinea come sia importante non dimenticare mai i momenti difficili, per trarne insegnamento e andare avanti; non lasciarsi andare, non perdere la fiducia, la speranza e sopratutto non perdere tempo. Buttarsi, lanciarsi in imprese folli, seguire il cuore e non sempre la mentre perché, purtroppo, il tempo passa, le lancette di un orologio girano freneticamente e nessuno ha la certezza di non potersi trovare nel momento sbagliato al posto sbagliato.

https://www.youtube.com/watch?v=pIOVJy7RWgo

La vita in un attimo (Life Itself), diretto da Dan Fogelman, con Oscar Isaac, Olivia Wilde, Annette Bening, Olivia Cooke, Samuel L. Jackson, Mandy Patinkin, Antonio Banderas, Laia Costa, Alex Monner, Fernanda Andrade, Jean Smart, Jake Robinson, Sergio Peris-Mencheta, Lorenza Izzo, uscirà il 21 febbraio distribuito da Cinema.

Voto

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here