La mia battaglia, con Elio Germano, al Teatro Ambra Jovinelli

Elio Germano

La mia battaglia, in scena dal 26 al 31 marzo al Teatro Ambra Jovinelli, vede protagonista il talentuoso Elio Germano in panni decisamente inusuali: prima attore, poi comico, poi ipnotizzatore, per uno spettacolo che cerca di manipolare il pubblico.

Dal 26 al 31 marzo lo straordinario Elio Germano è il protagonista di La mia battaglia, evento fuori abbonamento, testo decisamente fuori dagli schemi del quale è autore insieme a Chiara Lagani, pluripremiata artista e drammaturga. «Che il nostro appello si diffonda a ogni individuo che vogliamo avvicinare a noi: il passato è stato illuminato da una nuova e millenaria generazione di italiani!»

Un attore, o forse un comico, ipnotizzatore non dichiarato, durante uno spettacolo di intrattenimento, manipola gli spettatori in un crescendo di autocompiacimento, anche verbale, fino a giungere, al termine del suo show, a una drammatica imprevedibile svolta. Portatore di un muto volere collettivo diffuso nell’aria, l’artista da figura autorevole si farà a poco a poco sempre più autoritario, evocando lo spettro di un estremismo di ritorno travestito da semplice buon senso. Appellandosi alla necessità di resuscitare una società agonizzante, tra istanze ecologiste, nazionaliste, socialiste, planetarie e solitarie, mutuali e solidali, tra aneddoti e proclami, tra appelli appassionanti e affondi lirici deliranti, il nostro trascinerà l’uditorio, in un crescendo pirotecnico, a una straniata sospensione tragica fino a condurlo a una terribile conseguenza finale.

Elio Germano in uno scatto de La bella stagione
Elio Germano in uno scatto de La bella stagione

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui