La grande magia: l’omaggio di Lluís Pasqual a Eduardo De Filippo

La grande magia: l'omaggio di Lluís Pasqual a Eduardo De Filippo

Lluís Pasqual rende omaggio a Eduardo De Filippo: al Teatro Argentina dal 18 dicembre 2019 al 5 gennaio 2020 va in scena La grande magia.

Un grande omaggio a Eduardo firmato da Lluís Pasqual che porta in scena La grande magia, testo del 1948, fra i primi della lucida e cupa Cantata dei giorni dispari. Una lezione di verità strepitosa in cui la risata indulgente sui vizi e i difetti dell’umanità si trasforma in una caustica denuncia dei miserevoli comportamenti umani e delle loro conseguenze. Sul palco il «giuoco eterno» della tragedia della vita, con le sue atroci, brillanti e feroci illusioni.

Lluís Pasqual, artista poliedrico e da sempre affascinato dal tema dell’illusione teatrale, affronta La grande magia, la commedia di Eduardo De Filippo il cui tema centrale è proprio il rapporto tra realtà, vita e illusioni, dal 18 dicembre al 5 gennaio sul palcoscenico del Teatro Argentina (qui il cartellone completo della stagione 21019/2020).

Il regista catalano firma un omaggio a Eduardo con questo testo del 1948 – fra i primi a segnare il passaggio da La cantata dei giorni pari all’Eduardo lucido e cupo de La cantata dei giorni dispari, inaugurata nel ’45 con Napoli milionaria! – portando in scena con ingegno e coraggiosa fantasia la strepitosa lezione dell’opera eduardiana sulla verità per parlarci di realtà e di menzogna, di sogno e di inganno della mente. Qui la risata bonaria e indulgente su vizi e tare dell’umanità si trasforma in una caustica denuncia dei difetti umani e delle loro tragiche conseguenze, trascinando lo sprovveduto e gelosissimo Calogero in una spirale ai confini fra pazzia e consapevolezza.

Alessandra Borgia e Nando Paone ne "La grande magia", testo del 1948 fra i primi della lucida e cupa Cantata dei giorni dispari ©foto Marco Ghidelli
Alessandra Borgia e Nando Paone ne “La grande magia”, testo del 1948 fra i primi della lucida e cupa Cantata dei giorni dispari ©foto Marco Ghidelli

La vicenda, va così delineandosi sulla traccia di riflessioni e implicazioni filosofiche via via più ampie, a partire dall’ossatura essenziale che definisce la trama: durante uno spettacolo di magia, il Professor Otto Marvuglia esegue un numero con il quale fa “sparire” la moglie di Calogero Di Spelta, allo scopo di consentire alla donna di fuggire con il suo amante e facendo credere al povero marito che potrà ritrovarla solamente se aprirà, con totale fiducia nella sua fedeltà, la scatola in cui sostiene sia rinchiusa. Ma quando la donna, pentita del suo gesto ritorna sui suoi passi, il marito si rifiuta di riconoscerla, preferendo alla realtà della situazione l’illusione di una moglie fedele, custodita in quella magica e inseparabile scatola. Il crescendo emotivo e filosofico guida il pubblico all’interno della pièce, trasportandolo dalla comica ingenuità di Calogero al dramma e alla poesia del finale, in cui l’autentica magia compiuta si rivela essere stata il tentativo di Marvuglia di salvare Calogero dalla tragedia della vita. L’atrocità del gioco e dell’illusione brilla infine in tutta la sua ferocia.

Eduardo De Filippo, a proposito di questa sua commedia in tre atti, rappresentata per la prima volta il 12 dicembre 1949 dalla compagnia ‘Il teatro di Eduardo con Titina De Filippo’ a Napoli, al Teatro Mercadante, dichiarò: “Ho voluto dire, che la vita è un giuoco, e questo giuoco ha bisogno di essere sorretto dall’illusione, la quale a sua volta deve essere alimentata dalla fede. Ed ho voluto dire che ogni destino è legato al filo di altri destini in un giuoco eterno: un gran giuoco del quale non ci è dato di scorgere se non particolari irrilevanti”.

“È un Eduardo particolarmente vicino a Pirandello quello della Grande magia” scrive Lluís Pasqual in una sua nota. “La vita è come una finzione teatrale, ma anche come quelle scatole cinesi o quelle bamboline russe che stanno una dentro l’altra come un gioco illusionistico infinito… Chi è l’illusionista che inventa le nostre vite?  E lui, da quale altro illusionista è dominato?  E se volessimo vivere in un mondo di illusioni? Se fosse meglio che vivere in una presunta realtà? Ilarità ed emozione si fondono nelle mani di questo genio del teatro napoletano che recitava per raccontare la vita sempre con un sorriso furbo sulle labbra, proprio come noi”.

Personaggi e interpreti

  • Otto Marvuglia Nando Paone
  • Calogero Di Spelta Claudio Di Palma
  • Zaira Alessandra Borgia
  • Cameriere Gino De Luca
  • Marta Angela De Matteo
  • Gervasio Penna e Oreste Intrugli Gennaro Di Colandrea
  • Mariano e Roberto Luca Iervolino
  • Sig.ra Zampa e Sorella Di Spelta (O Rosa IntrugliIvana Maione
  • Brigadiere Francesco Procopio
  • Sig.ra Locascio e Matilde Antonella Romano
  • Arturo Recchia e Gregorio Di Speltai Luciano Saltarelli
  • Gennarino Giampiero Schiano

LA GRANDE MAGIA
di Eduardo De Filippo
regia, scene e costumi Lluís Pasqual
musiche dal vivo eseguite da Dolores Melodia, Raffaele Giglio
disegno luci Pasqual Merat – aiuto regia Rosario Sparno
Produzione Teatro Stabile Napoli – Teatro Nazionale

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui