La fabbrica dei bottoni di sughero, in scena al Teatro Marconi

La fabbrica dei bottoni di sughero

La fabbrica dei bottoni di sughero con Luca Capuano e Ludovico Fremont in scena al Teatro Marconi il 30 e 31 gennaio. Uno spettacolo teatrale che denuncia, attraverso l’arte della risata, l’arrivismo e l’avidità. Regia di Marco Cecili.

La fabbrica dei bottoni di sughero, spettacolo di Marco Cecili, protagonisti i due già noti attori Luca Capuano e Ludovico Fremont insieme agli emergenti Stefania Chiara Cavagni e Gianni Alvino.

«Ragazzi in questo spettacolo si ride si ride, ma c’è anche un’alea di mistero intorno ad un caso irrisolto – afferma Luca Capuano, nei panni di un esilarante e impacciato Ispettore di polizia –  non potete mancare a questo surreale appuntamento».

La fabbrica dei bottoni di sughero
La fabbrica dei bottoni di sughero – Luca Capuano

Uno spettacolo teatrale che denuncia, attraverso l’arte della risata, l’arrivismo, l’avidità e la smania di possesso del denaro. I protagonisti bramano intorno ad una preziosa scatola di semplici tappi di sughero, facendo emergere i loro lati più oscuri e meno nobili, portando lo spettatore a un epilogo sorprendente. «Siete pronti a morire…dalle risate! – sottolinea Ludovico Fremont, alle prese con il suo personaggio, un amante eclettico e passionale – Motello è il tipico cliché dell’attore che cerca di interpretare i classici amanti della drammaturgia shakespeariana, è geniale perché è un personaggio che prende in giro l’attore che lo interpreta». Si ride insomma di ciò che teoricamente dovrebbe far piangere.

Il Teatro Marconi, il 30 e 31 gennaio, faranno da palcoscenico alla brillante commedia noir La fabbrica dei bottoni di sughero scritta e diretta da Marco Cecili, prodotta da Surreale Produzioni in collaborazione con Ass. Culturale Quattr’etresette e OTTO P Management.

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui